LOGIN
Welcome Guest
 
Nick:
Password:
 
Se non hai ancora un account, Registrati ora !!!

»Informativa Privacy
 Messaggi Grido
APPUNTAMENTI
Fiere, Rassegne, Convegni di settore...
mese precedente Oct 2018 mese successivo
D L M M G V S
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
Newsletter e Magazine

 QUOTIDIANI
 SERVIZI
  AGRICONSIGLI
  AGRICOLTURA BIOLOGICA
  AGRICOLTURA BIODINAMICA
  ALIMENTAZIONE E SALUTE
  AMBIENTE E TERRITORIO
  QUALITA E SICUREZZA
  RASSEGNA STAMPA
  ENERGIA E AMBIENTE
  IMMOBILIARE
 LINK UTILI
 Link Utili
 Sondaggio
Qual'è la città più bella d'Italia a Natale?
 
Firenze
Venezia
Roma
Napoli
Torino
Mantova
Bologna
Milano
Verona
Ferrara
Palermo
Bolzano
Perugia
Trento
Pisa
 

Voti sondaggio
 
Pretinews n. 7

LA NOSTRA COMMUNITY

Home

Sondaggio

Chat

Foto del Mese

Giochi

Webmail

Interviste Pazze

Intervista Doppia

Le Pagelle

Post it

Scrivi Grido

Pillole
 
  Vota Articolo Vota Articolo  elenco articoli Versione Stampabile Segnala ad un amico
 
UNIONE EUROPEA
Parmigiano Reggiano, in attesa della sentenza Ue

Parmigiano Reggiano, in attesa della sentenza

Audizione a Bruxelles per il Consorzio di tutela e le istituzioni locali. A giugno si attende la sentenza della Corte di giustizia. All'esame degli uffici della Commissione europea anche la modifica del disciplinare di produzione

uno spicchio di Parmigiano Reggiano
uno spicchio di Parmigiano Reggiano

A Bruxelles si è tenuta recentemente un'audizione di una delegazione del Consorzio di tutela del formaggio Parmigiano Reggiano e di rappresentanti delle istituzioni locali da parte dei funzionari dell'Unione europea che stanno istruendo due importanti dossier relativi al re dei formaggi italiani. 'Un incontro utile' lo ha definito l'assessore regionale all'Agricoltura della Regione Emilia - Romagna Tiberio Rabboni. Il primo dossier è relativo alla procedura di infrazione aperta nei confronti della Germania per l'uso improprio ed ingannevole del nome 'Parmesan', attribuito a formaggi che ben poco hanno in comune con il prodotto di punta della nostra industria lattiero - casearia.
Entro il mese di giugno, informa una nota stampa della Regione, dovrebbe arrivare la sentenza della Corte europea di Giustizia, chiamata a valutare le ragioni degli allevatori costretti a fronteggiare, oltre alla crisi dei consumi ed alla insufficiente remunerazione, forme di concorrenza sleale che rischiano di incrinare l'immagine che il Parmigiano Reggiano ha saputo conquistarsi sui principali mercati mondiali grazie alla perizia ed alla serietà di tutti gli operatori.
La seconda pratica all'esame degli Uffici della Commissione, continua la nota, è relativa alla modifica del disciplinare di produzione del Parmigiano Reggiano. Le novità introdotte riguardano l'aumento della percentuale di foraggi prodotti in loco da somministrare agli animali e l'obbligo, per tutelare maggiormente i consumatori, di produrre confezioni di formaggio grattugiato o tagliato in porzioni di ridotte dimensioni, esclusivamente nel comprensorio di produzione. Questa modifiche, deliberate nel 2003 dall'assemblea del Consorzio, consentono di radicare maggiormente il prodotto al territorio, componente insostituibile e 'valore aggiunto' delle filiere produttive di qualità.
Per la conclusione dell'iter di approvazione del nuovo disciplinare sono comunque necessari alcuni documenti integrativi.
'I prodotti Dop e Igp - ha sottolineato Rabboni - assumono un ruolo fondamentale per l'agricoltura regionale la quale, dal punto di vista del numero di denominazioni riconosciute e del valore della produzione, è al primo posto a livello comunitario. Le due questioni discusse a Bruxelles, strettamente intrecciate tra loro, sono quindi strategiche per il futuro di questi prodotti. Senza una adeguata tutela dei marchi chiunque, in tutte le parti del mondo, potrebbe produrre formaggi 'simil - grana' a prezzi stracciati, in grado mettere in ginocchio il Parmigiano Reggiano. La sentenza della Corte di Giustizia rappresenta quindi un passaggio cruciale. In caso di rigetto dell'istanza del Consorzio l'intero sistema dei marchi di qualità potrebbe subire un colpo molto grave.'
Rabboni ha invitato tutti gli attori in causa ad interpretare al meglio la propria parte. Produttori, Consorzi di tutela, Istituzioni locali, regionali e nazionali 'devono seguire costantemente le varie problematiche per intervenire con la massima tempestività e determinazione su tutti gli aspetti problematici, dalla tutela del territorio alla commercializzazione del prodotto'

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Autore: StaffBlog  (Admin)    Data: 08-06-2007   20:06:28
 
 


dedicato ai clienti

il Guizzo

clicca per accedere al sito della Galassia di Preti Mangimi

clicca per scaricare il file in formato pdf

clicca per visitare il sito BRB Volumax

al dialèt dì Crusèra



 MISCELLANEA
  PMI NEWS
  GLOBAL WATCH
  RIVISTE SPECIALIZZATE
  LO SPECIALE
  L'OSCAR
  AGRODOLCE
  SCHEGGE IMPAZZITE
  BUSSOLA DEL GUSTO
  MARKET CAFE'
  ITALIANITA'
  DETTO & FATTO
  BACKSTAGE
  PARTERRE
  ATTUALITA'
  AGROITINERARI
  BOTTA E RISPOSTA
  CURIOSITA'
  TENDENZE
  TECH NEWS
  INTERNET NEWS
  CICLISMO
  RADIO E TV
  CINEMA
  TEATRO
  MUSICA
  LIBRI
  MOSTRE
  ANNIVERSARI
  L'ANGOLO ASTROLOGICO
 Il Meteo
 Wikipedia

Scrivi alla Redazione: info@agrifornews.it
A cura di:
PRETI MANGIMI S.r.l.
Via Smerrieri, 2/4/6 - REVERE (Mantova) - Tel. 0386 46469 - Fax. 0386 846034 / 0386 847156
P.Iva 00229820204
URL: www.pretimangimi.it - Email: info@pretimangimi.it

Informazioni Privacy - Informativa Cookies