LOGIN
Welcome Guest
 
Nick:
Password:
 
Se non hai ancora un account, Registrati ora !!!

»Informativa Privacy
 Messaggi Grido
APPUNTAMENTI
Fiere, Rassegne, Convegni di settore...
mese precedente Jun 2018 mese successivo
D L M M G V S
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
             
Newsletter e Magazine

 QUOTIDIANI
 SERVIZI
  AGRICONSIGLI
  AGRICOLTURA BIOLOGICA
  AGRICOLTURA BIODINAMICA
  ALIMENTAZIONE E SALUTE
  AMBIENTE E TERRITORIO
  QUALITA E SICUREZZA
  RASSEGNA STAMPA
  ENERGIA E AMBIENTE
  IMMOBILIARE
 LINK UTILI
 Link Utili
 Sondaggio
Qual'è la città più bella d'Italia a Natale?
 
Firenze
Venezia
Roma
Napoli
Torino
Mantova
Bologna
Milano
Verona
Ferrara
Palermo
Bolzano
Perugia
Trento
Pisa
 

Voti sondaggio
 
Pretinews n. 7

LA NOSTRA COMMUNITY

Home

Sondaggio

Chat

Foto del Mese

Giochi

Webmail

Interviste Pazze

Intervista Doppia

Le Pagelle

Post it

Scrivi Grido

Pillole
 
  Vota Articolo Vota Articolo  elenco articoli Versione Stampabile Segnala ad un amico
 
CURIOSITA'
Maurice Leblanc: il padre di Arsenio Lupin, Nel centenario della prima pubblicazione i francesi riscoprono il loro eroe, nato per contrastare la fama di Sherlock Holmes e degli inglesi, dove trovò fascino e fama......

Maurice Leblanc: il padre di Arsenio Lupin

Arsenio Lupin : un po' Robin Hood della Belle Époque, un po' Don Giovanni, un mago del furto, ma sempre impeccabile nell'eleganza dei suoi modi. É un eroe che ci è stato riproposto in molti modi: in tv, nei fumetti, ma a dargli la luce è stata la penna di Maurice Leblanc. Nel centenario della prima pubblicazione i francesi riscoprono il loro eroe, nato per contrastare la fama di  Sherlock Holmes e degli inglesi, dove trovò fascino e fama......

Di origine normanna, nato a Rouen, Maurice Leblanc ha coltivato sin da giovane la passione per scrittori come Flaubert o Maupassant.
Il trasferimento a Parigi, all'età di 21 anni, è stato per lui decisivo, ma è nel 1905 che la sua più preziosa creatura prende vita: Arsenio Lupin, che farà di lui uno scrittore di fama riconosciuta e gli porterà un successo che lo seguirà per tutta la vita.

 

É lo stesso Leblanc a dire di Lupin 'Il me suit partout. Il n'est pas mon ombre, je suis son ombre. C'est lui qui s'assied à cette table quand j'écris. Je lui obéis', quasi come se la sua creatura lo volesse superare.

Vasta la bibliografia di Leblanc, con opere spesso apparse su riviste dell'epoca come 'Je sais Tout' ou 'Gil Blas'.
Ma indubbiamente è il personaggio di Lupin a giocare il ruolo più importante, 'une âme intrépide dans un corps inattaquable', come lo definisce lo stesso Leblanc.

Le vicende di Lupin si svolgono a Etretat, in Normandia, il luogo dove lo stesso Leblanc si era stabilito, al pari di altri artisti come Flaubert, Maupassant, Monet, Corot: un luogo pieno di mistero e di fascino, come solo la Normandia sa offrire.

Per qualche suggerimento di turismo letterario è consigliato un sito e un libro: 'Promenades en Normandie avec Maurice Leblanc et Arsène Lupin', Gérard Pouchain, Éditions Charles Corlet, 1991, 254 pagine, che permetteranno di rivivere i luoghi di Lupin e dello stesso Leblanc.

Chi era in realtà il creatore di Sherlock Holmes?

rapporto tra gli sherlockiani e Sir Arthur Conan Doyle è dannatamente ambivalente.

Da un lato, per la stessa natura del Grande gioco si tende a svalutare la figura di ACD, come lo chiamano affettuosamente gli holmesiani, dall'altra essi si rendono conto che senza quel grand'uomo tutto questo mondo non esisterebbe.

Uno di loro perciò, scuotendo la testa, commentava così il fatto che ACD sia stato nominato Sir (tra l'altro, non per Holmes ma per il reportage sulla guerra boera): 'Baronetto? È ridicolo. Santo! Avrebbero dovuto farlo Santo!'.

Secondo questa curiosa, ma diffusa, versione Arthur Conan Doyle esistette davvero, e creò i personaggi immaginari di Sherlock Holmes e John Watson...

Nato nel 1859 avrebbe studiato medicina all'università di Edimburgo: si sarebbe ispirato al suo insegnante di medicina legale, il Prof. Bell, per ideare poi Holmes, scrivendo nella vana attesa di clienti nel suo studio.

Dopo l'iniziale insuccesso, con l'esplosione in tutto il mondo della notorietà di Holmes, iniziò ad odiare il suo personaggio, ritenendo di essere un grande scrittore limitato dalla sua stessa creatura. Dopo una lettera alla madre in cui scriveva 'Ucciderò Sherlock Holmes' fece un lungo viaggio in Svizzera per decidere il giusto scenario. A questo punto avrebbe scritto 'Il problema finale', pubblicato nel 1893, in cui Holmes scompare nelle cascate del Reichenbach, avvinghiato al suo mortale nemico, Moriarty. Ma in seguito alle pressioni dell'editore e sopratutto alle proteste vigorose del pubblico si sarebbe deciso a farlo ricomparire (La casa vuota): Holmes non era morto, ma si era nascosto.
Da allora Doyle avrebbe continuato a scrivere di Holmes, odiandolo cordialmente, alternando libri di altro genere.

Personaggio eclettico e stravagante, sarebbe stato lui il giudice che sostenne Dorando Petri alle olimpiadi di Londra e forse l'autore della beffa di Piltdown.

Divenuto baronetto per i suoi reportage della guerra boera, passò gli ultimi anni interessandosi di spiritismo, su cui scrisse ulteriori romanzi.

La morte sarebbe avvenuta nel 1930 nella sua casa di Crowborough.

The Strand Magazine era la rivista su cui venivano pubblicate le avventure del Maestro.

Celebrazioni...permettendo....!?

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Autore: StaffBlog  (Admin)    Data: 05-03-2007   19:17:25
 
 


dedicato ai clienti

il Guizzo

clicca per accedere al sito della Galassia di Preti Mangimi

clicca per scaricare il file in formato pdf

clicca per visitare il sito BRB Volumax

al dialèt dì Crusèra



 MISCELLANEA
  PMI NEWS
  GLOBAL WATCH
  RIVISTE SPECIALIZZATE
  LO SPECIALE
  L'OSCAR
  AGRODOLCE
  SCHEGGE IMPAZZITE
  BUSSOLA DEL GUSTO
  MARKET CAFE'
  ITALIANITA'
  DETTO & FATTO
  BACKSTAGE
  PARTERRE
  ATTUALITA'
  AGROITINERARI
  BOTTA E RISPOSTA
  CURIOSITA'
  TENDENZE
  TECH NEWS
  INTERNET NEWS
  CICLISMO
  RADIO E TV
  CINEMA
  TEATRO
  MUSICA
  LIBRI
  MOSTRE
  ANNIVERSARI
  L'ANGOLO ASTROLOGICO
 Il Meteo
 Wikipedia

Scrivi alla Redazione: info@agrifornews.it
A cura di:
PRETI MANGIMI S.r.l.
Via Smerrieri, 2/4/6 - REVERE (Mantova) - Tel. 0386 46469 - Fax. 0386 846034 / 0386 847156
P.Iva 00229820204
URL: www.pretimangimi.it - Email: info@pretimangimi.it

Informazioni Privacy - Informativa Cookies