LOGIN
Welcome Guest
 
Nick:
Password:
 
Se non hai ancora un account, Registrati ora !!!

»Informativa Privacy
 Messaggi Grido
APPUNTAMENTI
Fiere, Rassegne, Convegni di settore...
mese precedente Dec 2018 mese successivo
D L M M G V S
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
Newsletter e Magazine

 QUOTIDIANI
 SERVIZI
  AGRICONSIGLI
  AGRICOLTURA BIOLOGICA
  AGRICOLTURA BIODINAMICA
  ALIMENTAZIONE E SALUTE
  AMBIENTE E TERRITORIO
  QUALITA E SICUREZZA
  RASSEGNA STAMPA
  ENERGIA E AMBIENTE
  IMMOBILIARE
 LINK UTILI
 Link Utili
 Sondaggio
Qual'è la città più bella d'Italia a Natale?
 
Firenze
Venezia
Roma
Napoli
Torino
Mantova
Bologna
Milano
Verona
Ferrara
Palermo
Bolzano
Perugia
Trento
Pisa
 

Voti sondaggio
 
Pretinews n. 7

LA NOSTRA COMMUNITY

Home

Sondaggio

Chat

Foto del Mese

Giochi

Webmail

Interviste Pazze

Intervista Doppia

Le Pagelle

Post it

Scrivi Grido

Pillole
 
  Vota Articolo Vota Articolo  elenco articoli Versione Stampabile Segnala ad un amico
 
ITALIANITA'
Cibus e Vinitaly, l'Italia rafforza il legame per un made in Italiy alla ribalta nel mondo, a partire dall'importante mercato della Cina

Cibus e Vinitaly, intesa perfetta

Siglato, alla presenza del ministro Paolo De Castro, un importante accordo di collaborazione tra Veronafiere e Fiere di Parma, per meglio promuovere il made in Italy agroalimentare all'estero. Il primo appuntamento a Shanghai dal 23 al 25 novembre.

una veduta di Shanghai
una veduta di Shanghai

Due giganti del sistema fieristico italiano si incontrano per dare più forza e sostegno all'agroalimentare italiano all'estero. Il cibo ed il vino italiano fanno sistema per la prima volta in nome del made in Italy. Cibus e Vinitaly dunque una coppia perfetta.
L'accordo di collaborazione sottoscritto oggi, alla presenza del ministro Paolo De Castro, è davvero un patto di ferro perché siglato da due referenti, le Fiere di Parma e VeronaFiere che rappresentano oltre il 60% dell'offerta fieristica nazionale. Due piattaforme organizzative che viaggiano con una marcia in più e che hanno finalmente trovato il modo di 'implementare il sistema' e di 'andare all'estero insieme'. E il primo appuntamento è proprio in Cina, a Shanghai dove si svolge l'ottava edizione di Vinitaly Cina, inaugurata dallo stesso ministro De Castro che in quei giorni sarà in visita ufficiale nel grande paese asiatico.
Proprio il ministro sin dalla sua prima battuta ha voluto richiamare l'attenzione sul rischio delle proliferazioni delle manifestazioni, delle spinte localiste. La risposta a questo rischio è soltanto una sola 'fare sistema e massa critica'
'E' un grande momento di condivisione e comunicazione' ha detto il presidente di Veronafiere, Luigi Castelletti nel suo intervento.'Oggi, ha proseguito, noi sentiamo la responsabilità non soltanto dei nostri territori ma dell'intero sistema Paese'.
Gli ha fatto eco il presidente di Fiere di Parma, Franco Boni, pienamento soddisfatto di partecipare 'all'inaugurazione di un nuovo sistema'. E il primo appuntamento è proprio la Grande Fiera di Shanghai dove Vinitaly è già presente da qualche anno, spiega Boni, e dove Fiere di Parma si presenterà con delle master class, poi in seguito perfezionerà ancora meglio la sua presenza espositiva.
La Cina sarà dunque la prima vetrina del made in Italy agroalimentare. Una scelta importante 'perché essa rappresenta una grande opportunità di collaborazione reciproca di tutto il sistema agroalimentare' spiega ancora il ministro De Castro, commentando i ritmi di crescita, al 7-8%, dei consumi in quel mercato.
E su questo punto sembra essere d'accordo anche il presidente di Federalimentare, Luigi Rossi di Montelera, che sottolinea quanto la sua organizzazione abbia spinto verso una razionalizzazione del sistema fieristico e sia sempre stata contraria alle polverizzazioni e allo scoordinamento. 'Affrontiamo un mercato grandioso dove la nostra presenza commerciale è pressoché irrilevante e dove tuttavia possiamo contare su un grandissimo potenziale di crescita'.
L'accordo tra i due colossi fieristici prevede alcuni paletti operativi, illustrati dal direttore di Veronafiere, Giovanni Mantovani. Il primo obiettivo è naturalmente quello di andare insieme sia sui mercati internazionale per trainare reciprocamente i prodotti leader e sia sui mercati nazionali per incrociare le strategie di marketing e di comunicazione. Il secondo canestro, come li definisce Mantovani, si traduce nella ricerca di nuove manifestazioni della filiera agroalimentare per superare la famosa linea del 60%. Infine le ricadute per gli espositori che potranno contare su migliori e più avanzati servizi, riducendo il costo contatto.
Questo accordo inoltre ha un nuovo 'compagno di strada', Buonitalia, che come ha dichiarato il suo presidente, Emilio Pietro de Piazza, è pronto a cogliere al volo questa grande opportunità, ben lieto dunque di fare da supporto alle iniziative in cantiere nel quadro dell'accordo appena siglato.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Autore: Gino  (Admin)    Data: 17-11-2006   06:51:54
 
 


dedicato ai clienti

il Guizzo

clicca per accedere al sito della Galassia di Preti Mangimi

clicca per scaricare il file in formato pdf

clicca per visitare il sito BRB Volumax

al dialèt dì Crusèra



 MISCELLANEA
  PMI NEWS
  GLOBAL WATCH
  RIVISTE SPECIALIZZATE
  LO SPECIALE
  L'OSCAR
  AGRODOLCE
  SCHEGGE IMPAZZITE
  BUSSOLA DEL GUSTO
  MARKET CAFE'
  ITALIANITA'
  DETTO & FATTO
  BACKSTAGE
  PARTERRE
  ATTUALITA'
  AGROITINERARI
  BOTTA E RISPOSTA
  CURIOSITA'
  TENDENZE
  TECH NEWS
  INTERNET NEWS
  CICLISMO
  RADIO E TV
  CINEMA
  TEATRO
  MUSICA
  LIBRI
  MOSTRE
  ANNIVERSARI
  L'ANGOLO ASTROLOGICO
 Il Meteo
 Wikipedia

Scrivi alla Redazione: info@agrifornews.it
A cura di:
PRETI MANGIMI S.r.l.
Via Smerrieri, 2/4/6 - REVERE (Mantova) - Tel. 0386 46469 - Fax. 0386 846034 / 0386 847156
P.Iva 00229820204
URL: www.pretimangimi.it - Email: info@pretimangimi.it

Informazioni Privacy - Informativa Cookies