LOGIN
Welcome Guest
 
Nick:
Password:
 
Se non hai ancora un account, Registrati ora !!!

»Informativa Privacy
 Messaggi Grido
APPUNTAMENTI
Fiere, Rassegne, Convegni di settore...
mese precedente Nov 2018 mese successivo
D L M M G V S
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
Newsletter e Magazine

 QUOTIDIANI
 SERVIZI
  AGRICONSIGLI
  AGRICOLTURA BIOLOGICA
  AGRICOLTURA BIODINAMICA
  ALIMENTAZIONE E SALUTE
  AMBIENTE E TERRITORIO
  QUALITA E SICUREZZA
  RASSEGNA STAMPA
  ENERGIA E AMBIENTE
  IMMOBILIARE
 LINK UTILI
 Link Utili
 Sondaggio
Qual'è la città più bella d'Italia a Natale?
 
Firenze
Venezia
Roma
Napoli
Torino
Mantova
Bologna
Milano
Verona
Ferrara
Palermo
Bolzano
Perugia
Trento
Pisa
 

Voti sondaggio
 
Pretinews n. 7

LA NOSTRA COMMUNITY

Home

Sondaggio

Chat

Foto del Mese

Giochi

Webmail

Interviste Pazze

Intervista Doppia

Le Pagelle

Post it

Scrivi Grido

Pillole
 
  Vota Articolo Vota Articolo  elenco articoli Versione Stampabile Segnala ad un amico
 
CORPO FORESTALE
UE: CONTAMINAZIONE, COLDIRETTI, GRECIA RITIRA OLIO GIRASOLE. E L'ITALIA ?

UE: CONTAMINAZIONE, COLDIRETTI, GRECIA RITIRA OLIO GIRASOLE. E L'ITALIA ?

Nel 2008 è aumentato di quasi sette volte l' import di olio di girasole dall'Ucraina

L'ordine delle Autorità greche di provvedere a l ritiro dal mercato di tutto l'olio di girasole importato nel 2008, dopo il rapporto dei laboratori statali di chimica sull'olio adulterato proveniente dall'Ucraina, è allarmante per l'Italia che nello stesso anno ha visto aumentare di quasi sette volte le importazioni di olio di girasole dal Paese dell'ex blocco sovietico per un quantitativo record di 23,3 milioni di chili in soli due mesi secondo i dati Istat. E' quanto riferisce la Coldiretti nel sottolineare che le autorità sanitarie elleniche hanno evidenziato la presenza nell'olio di girasole di sostanze che possono essere descritte come cancerogene e tossiche e per questo è in corso il ritiro di numerose marche di olio di girasole e anche una di maionese.
Poiché l' Italia ha importato nel 2008 quasi l'80 per cento dell'olio di girasole proprio dall'Ucraina per un totale attorno a due chili a persona nello scorso anno, è necessario chiarire quali misure sono state adottate per evitare il consumo del prodotto contaminato con la Coldiretti che chiede di attivare tutte le procedure per provvedere tempestivamente al immediato ritiro dal mercato del prodotto straniero, anche con le adeguate informazioni sulle ditte coinvolte.
Secondo fonti della Commissione europea un totale di 40 milioni di chili di olio di girasole proveniente dall'Ucraina e destinato all'Unione europea e' stato contaminato con idrocarburi. L'olio e' arrivato via mare in Francia da dove e' stato distribuito anche in Italia, Grecia, Olanda e Spagna. La stessa Commissione europea - continua la Coldiretti - ha raccomandato agli Stati membri di ritirare dal mercato tutti i prodotti alimentari contenenti più del 10 per cento di olio di semi di girasole prodotto in Ucraina, oltre a tutti gli olii di semi di girasole provenienti dall'Ucraina in cui è stata scoperta una contaminazione significativa (circa 7 grammi per kg) con olii minerali.
 'L'allarme sui rischi per la salute provocati dal consumo di olio di girasole contaminato proveniente dall'Ucraina conferma drammaticamente gli effetti della concorrenza sleale della produzione straniera che danneggiano imprese e consumatori' afferma il presidente della Coldiretti Sergio Marini nel sottolineare che 'di fronte ai rischi alimentari che si moltiplicano, anche per effetto dell'intensificarsi degli scambi commerciali, occorrono  scelte di trasparenza strutturali per garantire la salute dei cittadini come l'obbligo dell'indicazione di provenienza di tutti gli alimenti'.
E' quindi necessario - precisa Marini - intervenire sulla legislazione nazionale e comunitaria per estendere a tutti i prodotti alimentari l'obbligo di indicare sull'etichetta la provenienza della materia prima agricola impiegata per consentire scelte consapevoli ai consumatori, ma anche la piena rintracciabilità e il ritiro immediato dei prodotti a rischio.
L'Italia è un paese particolarmente a rischio considerato che - conclude la Coldiretti - ha importato nel 2007 oltre 215 milioni di chili di olio di girasole dall'estero dei quali quasi la metà provenienti dall'Ucraina (103 milioni di chili) che è stato il principale paese fornitore. Nei primi due mesi del 2008 le importazioni sono peraltro aumentare di quasi sette volte per raggiungere la cifra record di 23,3 milioni di chili. Peraltro, anche se in Italia prevale nettamente il consumo di olio di oliva, quello di girasole - precisa la Coldiretti - è il piu' acquistato tra gli oli di semi. Fonte Coldiretti

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Autore: StaffBlog  (Admin)    Data: 23-05-2008   18:25:50
 
 


dedicato ai clienti

il Guizzo

clicca per accedere al sito della Galassia di Preti Mangimi

clicca per scaricare il file in formato pdf

clicca per visitare il sito BRB Volumax

al dialèt dì Crusèra



 MISCELLANEA
  PMI NEWS
  GLOBAL WATCH
  RIVISTE SPECIALIZZATE
  LO SPECIALE
  L'OSCAR
  AGRODOLCE
  SCHEGGE IMPAZZITE
  BUSSOLA DEL GUSTO
  MARKET CAFE'
  ITALIANITA'
  DETTO & FATTO
  BACKSTAGE
  PARTERRE
  ATTUALITA'
  AGROITINERARI
  BOTTA E RISPOSTA
  CURIOSITA'
  TENDENZE
  TECH NEWS
  INTERNET NEWS
  CICLISMO
  RADIO E TV
  CINEMA
  TEATRO
  MUSICA
  LIBRI
  MOSTRE
  ANNIVERSARI
  L'ANGOLO ASTROLOGICO
 Il Meteo
 Wikipedia

Scrivi alla Redazione: info@agrifornews.it
A cura di:
PRETI MANGIMI S.r.l.
Via Smerrieri, 2/4/6 - REVERE (Mantova) - Tel. 0386 46469 - Fax. 0386 846034 / 0386 847156
P.Iva 00229820204
URL: www.pretimangimi.it - Email: info@pretimangimi.it

Informazioni Privacy - Informativa Cookies