LOGIN
Welcome Guest
 
Nick:
Password:
 
Se non hai ancora un account, Registrati ora !!!

»Informativa Privacy
 Messaggi Grido
APPUNTAMENTI
Fiere, Rassegne, Convegni di settore...
mese precedente Aug 2018 mese successivo
D L M M G V S
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
Newsletter e Magazine

 QUOTIDIANI
 SERVIZI
  AGRICONSIGLI
  AGRICOLTURA BIOLOGICA
  AGRICOLTURA BIODINAMICA
  ALIMENTAZIONE E SALUTE
  AMBIENTE E TERRITORIO
  QUALITA E SICUREZZA
  RASSEGNA STAMPA
  ENERGIA E AMBIENTE
  IMMOBILIARE
 LINK UTILI
 Link Utili
 Sondaggio
Qual'è la città più bella d'Italia a Natale?
 
Firenze
Venezia
Roma
Napoli
Torino
Mantova
Bologna
Milano
Verona
Ferrara
Palermo
Bolzano
Perugia
Trento
Pisa
 

Voti sondaggio
 
Pretinews n. 7

LA NOSTRA COMMUNITY

Home

Sondaggio

Chat

Foto del Mese

Giochi

Webmail

Interviste Pazze

Intervista Doppia

Le Pagelle

Post it

Scrivi Grido

Pillole
 
  Vota Articolo Vota Articolo  elenco articoli Versione Stampabile Segnala ad un amico
 
PARTERRE
Igp, secondo viaggio tra le eccellenze agroalimentari

 
Igp, secondo viaggio tra le eccellenze agroalimentari
 

La campagna di comunicazione riguardante i prodotti a marchio Dop, Igp e Stg, organizzata da Confagricoltura e finanziata con il contributo dell'Unione europea e dello Stato italiano, quest'anno punta a far scoprire il rigore produttivo e il radicamento sul territorio dei prodotti con riconoscimento a Indicazione geografica protetta

Confagricoltura, la più antica organizzazione di rappresentanza del mondo agricolo italiano, sta portando avanti un progetto triennale di comunicazione, finanziato con il contributo della Unione europea e dello Stato italiano, riguardante i prodotti agroalimentari a marchio Ue, in particolare le Igp (Indicazioni geografiche protette).
Pensato come un viaggio attraverso i prodotti europei ed italiani a qualità normata, dopo aver trattato nel 2007 le Dop (Denominazione di origine protetta), nel 2008 il progetto intende far conoscere il patrimonio di eccellenza qualitativa, di rigore produttivo, di capacità imprenditoriale e di radicamento sul territorio ai prodotti con riconoscimento Igp, mentre nel 2009 l'attenzione sarà rivolta alle Stg (Specialità tradizionale garantita).
Un prodotto agroalimentare, per ottenere la denominazione Igp, deve essere originario di una particolare area geografica e conforme ad uno specifico disciplinare di produzione. A differenza di un prodotto Dop, per il quale tutte le fasi del processo produttivo debbono avere luogo in un determinato territorio, una Igp può essere concessa anche se una sola delle fasi di produzione (trasformazione o elaborazione) avviene in una determinata area geografica. Assente, invece, è il legame con il territorio richiesto ad una Stg, la cui specificità è intesa, piuttosto, come 'la caratteristica o l'insieme di caratteristiche che distingue chiaramente il prodotto da altri prodotti similari'. In ogni caso, i prodotti inseriti nel Registro unico delle Dop e Igp o in quello delle Stg ottengono una vera e propria protezione, con un diritto esclusivo all'utilizzo della sigla da parte del consorzio produttivo che abbia ottenuto il riconoscimento da Bruxelles. In questo modo, la sigla Igp, apposta sul prodotto, garantisce il rispetto di una definita 'ricetta' tradizionale di lavorazione, il legame con uno specifico territorio, oltre alla rispondenza a precise caratteristiche qualitative ed organolettiche.
In Europa i prodotti certificati ammontano a 800, (450 Dop, 335 Igp e 15 Stg) di cui 170 sono italiani, 156 francesi, 115 spagnoli e 105 portoghesi. In Italia sono 58 i prodotti con Indicazione geografica protetta, di cui 43 ortofrutticoli e cereali, 9 a base di carne, 2 carni fresche, 3 prodotti di panetteria e 1 olio d'oliva. A livello regionale, considerando che il territorio di alcune Igp copre più Regioni, in testa alla classifica troviamo l'Emilia-Romagna con 11 prodotti, seguita dalla Toscana con 9 e Veneto con 8 prodotti. In coda troviamo: Campania (7) e Lombardia (6); Lazio e Sicilia (5); Piemonte (4); Marche, Piemonte, Trentino Alto Adige e Umbria (3); Basilicata e Puglia (2); Molise, Abruzzo e Sardegna (1).
Nell'ambito della campagna di comunicazione verranno organizzate diverse attività: dall'implementazione del sito www.qualiagri.it, sorto in occasione dell'avvio del progetto, all'edizione di un opuscolo sulle Igp; dalla presenza a 'Cibus Parma', la più importante rassegna italiana dell'agroalimentare, ad alcuni interventi informativi tanto su trasmissioni radiotelevisive delle reti Rai quanto sui principali quotidiani e periodici nazionali; fino all'organizzazione, in autunno, della seconda edizione de 'I Sapori del campo', iniziativa realizzata in collaborazione con Agriturist, l'Associazione degli agriturismi italiani aderente a Confagricoltura.
L'organizzazione agricola con questa campagna intende comunicare l'importanza della qualità nel settore agroalimentare, ed in tal senso diventa fondamentale parlare di Igp e, in generale, dei prodotti a qualità normata, valutati sempre più positivamente dai consumatori. A fronte di un andamento sostanzialmente costante della domanda agroalimentare, infatti, il business di Igp e Dop è in significativo aumento da ormai molti anni. Prendendo a riferimento l'Italia, leader europeo nel settore, nel 2006 la produzione certificata Igp e Dop è stata di quasi 1 milione 100 mila tonnellate, di cui oltre il 38% riferito a prodotti ortofrutticoli che hanno, nella quasi totalità, il riconoscimento Igp. Sono circa 119 mila le imprese riconducibili a una filiera di qualità certificata, di cui il 95% costituito da aziende agricole e il restante 5% da aziende di trasformazione e lavorazione dei prodotti. Tali aziende hanno generato un fatturato al consumo pari a 9,2 miliardi di euro e un fatturato alla produzione pari a 4,9 miliardi (rispettivamente 7% e 6% sul 2005). Poiché nello stesso periodo il fatturato di tutto l'agroalimentare italiano ha raggiunto i 110 miliardi di euro ( 2,8% rispetto al 2005), si può concludere che cresce la quota di Igp e Dop sul totale, arrivata all'8,4%, secondo una tendenza costante a partire dal 2001: negli ultimi 5 anni il fatturato italiano Igp e Dop è aumentato del 50%. Fonte Mipaf

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Autore: StaffBlog  (Admin)    Data: 09-05-2008   20:20:08
 
 


dedicato ai clienti

il Guizzo

clicca per accedere al sito della Galassia di Preti Mangimi

clicca per scaricare il file in formato pdf

clicca per visitare il sito BRB Volumax

al dialèt dì Crusèra



 MISCELLANEA
  PMI NEWS
  GLOBAL WATCH
  RIVISTE SPECIALIZZATE
  LO SPECIALE
  L'OSCAR
  AGRODOLCE
  SCHEGGE IMPAZZITE
  BUSSOLA DEL GUSTO
  MARKET CAFE'
  ITALIANITA'
  DETTO & FATTO
  BACKSTAGE
  PARTERRE
  ATTUALITA'
  AGROITINERARI
  BOTTA E RISPOSTA
  CURIOSITA'
  TENDENZE
  TECH NEWS
  INTERNET NEWS
  CICLISMO
  RADIO E TV
  CINEMA
  TEATRO
  MUSICA
  LIBRI
  MOSTRE
  ANNIVERSARI
  L'ANGOLO ASTROLOGICO
 Il Meteo
 Wikipedia

Scrivi alla Redazione: info@agrifornews.it
A cura di:
PRETI MANGIMI S.r.l.
Via Smerrieri, 2/4/6 - REVERE (Mantova) - Tel. 0386 46469 - Fax. 0386 846034 / 0386 847156
P.Iva 00229820204
URL: www.pretimangimi.it - Email: info@pretimangimi.it

Informazioni Privacy - Informativa Cookies