LOGIN
Welcome Guest
 
Nick:
Password:
 
Se non hai ancora un account, Registrati ora !!!

»Informativa Privacy
 Messaggi Grido
APPUNTAMENTI
Fiere, Rassegne, Convegni di settore...
mese precedente Sep 2018 mese successivo
D L M M G V S
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
Newsletter e Magazine

 QUOTIDIANI
 SERVIZI
  AGRICONSIGLI
  AGRICOLTURA BIOLOGICA
  AGRICOLTURA BIODINAMICA
  ALIMENTAZIONE E SALUTE
  AMBIENTE E TERRITORIO
  QUALITA E SICUREZZA
  RASSEGNA STAMPA
  ENERGIA E AMBIENTE
  IMMOBILIARE
 LINK UTILI
 Link Utili
 Sondaggio
Qual'è la città più bella d'Italia a Natale?
 
Firenze
Venezia
Roma
Napoli
Torino
Mantova
Bologna
Milano
Verona
Ferrara
Palermo
Bolzano
Perugia
Trento
Pisa
 

Voti sondaggio
 
Pretinews n. 7

LA NOSTRA COMMUNITY

Home

Sondaggio

Chat

Foto del Mese

Giochi

Webmail

Interviste Pazze

Intervista Doppia

Le Pagelle

Post it

Scrivi Grido

Pillole
 
  Vota Articolo Vota Articolo  elenco articoli Versione Stampabile Segnala ad un amico
 
DETTO & FATTO
Viaggio nelle Igp..sempre in crescita...

Viaggio nelle Igp..sempre in crescita...

La Confagricoltura promuove le Indicazioni geografiche protette, un'iniziativa che fa parte del progetto di comunicazione sulle Dop, Igp, Stg, giunto alla seconda annualità, finanziato con il contributo dell' Unione europea e dello Stato italiano

450 DOP, 335 IGP e 15 STG, per un totale di 800: tanti sono, all'8 aprile 2008, i prodotti certificati in Europa, di cui 170 italiani, 156 francesi, 115 spagnoli e 105 portoghesi. Al vasto mondo dei prodotti agroalimentari a marchio Ue, specificamente alle Indicazioni Geografiche Protette (Igp), è dedicata la seconda annualità di un progetto triennale di comunicazione promosso da Confagricoltura e finanziato con il contributo della Unione europea e dello Stato Italiano.
Pensato come un viaggio attraverso i prodotti europei ed italiani a qualità normata, dopo aver trattato nel 2007 le Dop, nel 2008 il progetto intende far conoscere il patrimonio di eccellenza qualitativa, di rigore produttivo, di capacità imprenditoriale e di radicamento sul territorio ai prodotti con riconoscimento Igp (nel 2009 l'attenzione sarà rivolta alle Stg).
In tale ambito, nel 2008 si svolgeranno una serie di attività: dall'implementazione del sito www.qualiagri.it, sorto in occasione dell'avvio del progetto, all'edizione di un opuscolo sulle Igp; dalla presenza a 'Cibus Parma', la più importante rassegna italiana dell'agroalimentare, in programma a maggio 2008, ad alcuni interventi informativi tanto su trasmissioni radiotelevisive delle reti Rai quanto sui principali quotidiani e periodici nazionali; fino all'organizzazione, in autunno, della seconda edizione de 'I Sapori del Campo', iniziativa realizzata in collaborazione con Agriturist, l'Associazione degli agriturismi italiani aderente a Confagricoltura.
'I marchi di certificazione comunitari - commenta il presidente di Confagricoltura Federico Vecchioni - rappresentano una carta vincente per lo sviluppo socioeconomico del mondo rurale, in particolare delle zone svantaggiate o periferiche. Solo puntando sulla qualità e la sicurezza alimentare, è possibile 'fare impresa' in agricoltura e valorizzare un settore portante dell'economia, fonte di beneficio per la collettività, per l'ambiente e per il territorio'.

Un prodotto agroalimentare, per ottenere la denominazione Igp, deve essere originario di una particolare area geografica e conforme ad uno specifico disciplinare di produzione. A differenza di un prodotto Dop, per il quale tutte le fasi del processo produttivo debbono avere luogo in un determinato territorio, una Igp può essere concessa anche se una sola delle fasi di produzione (trasformazione o elaborazione) avviene in una determinata area geografica. Assente, invece, è il legame con il territorio richiesto ad una Stg, la cui specificità è intesa, piuttosto, come 'la caratteristica o l'insieme di caratteristiche che distingue chiaramente il prodotto da altri prodotti similari'.
In ogni caso, i prodotti inseriti nel Registro (unico) delle Dop e Igp o in quello delle Stg ottengono una vera e propria protezione, con un diritto esclusivo all'utilizzo della sigla da parte del consorzio produttivo che abbia ottenuto il riconoscimento da Bruxelles.
In questo modo, la sigla Igp apposta sul prodotto garantisce: il rispetto di una definita 'ricetta' tradizionale di lavorazione; il legame con uno specifico territorio; la rispondenza a precise caratteristiche qualitative ed organolettiche.

 
clicca per ingrandire
clicca per ingrandire
clicca per ingrandire
clicca per ingrandire
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Autore: StaffBlog  (Admin)    Data: 18-04-2008   09:28:52
 
 


dedicato ai clienti

il Guizzo

clicca per accedere al sito della Galassia di Preti Mangimi

clicca per scaricare il file in formato pdf

clicca per visitare il sito BRB Volumax

al dialèt dì Crusèra



 MISCELLANEA
  PMI NEWS
  GLOBAL WATCH
  RIVISTE SPECIALIZZATE
  LO SPECIALE
  L'OSCAR
  AGRODOLCE
  SCHEGGE IMPAZZITE
  BUSSOLA DEL GUSTO
  MARKET CAFE'
  ITALIANITA'
  DETTO & FATTO
  BACKSTAGE
  PARTERRE
  ATTUALITA'
  AGROITINERARI
  BOTTA E RISPOSTA
  CURIOSITA'
  TENDENZE
  TECH NEWS
  INTERNET NEWS
  CICLISMO
  RADIO E TV
  CINEMA
  TEATRO
  MUSICA
  LIBRI
  MOSTRE
  ANNIVERSARI
  L'ANGOLO ASTROLOGICO
 Il Meteo
 Wikipedia

Scrivi alla Redazione: info@agrifornews.it
A cura di:
PRETI MANGIMI S.r.l.
Via Smerrieri, 2/4/6 - REVERE (Mantova) - Tel. 0386 46469 - Fax. 0386 846034 / 0386 847156
P.Iva 00229820204
URL: www.pretimangimi.it - Email: info@pretimangimi.it

Informazioni Privacy - Informativa Cookies