LOGIN
Welcome Guest
 
Nick:
Password:
 
Se non hai ancora un account, Registrati ora !!!

»Informativa Privacy
 Messaggi Grido
APPUNTAMENTI
Fiere, Rassegne, Convegni di settore...
mese precedente Aug 2018 mese successivo
D L M M G V S
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
Newsletter e Magazine

 QUOTIDIANI
 SERVIZI
  AGRICONSIGLI
  AGRICOLTURA BIOLOGICA
  AGRICOLTURA BIODINAMICA
  ALIMENTAZIONE E SALUTE
  AMBIENTE E TERRITORIO
  QUALITA E SICUREZZA
  RASSEGNA STAMPA
  ENERGIA E AMBIENTE
  IMMOBILIARE
 LINK UTILI
 Link Utili
 Sondaggio
Qual'è la città più bella d'Italia a Natale?
 
Firenze
Venezia
Roma
Napoli
Torino
Mantova
Bologna
Milano
Verona
Ferrara
Palermo
Bolzano
Perugia
Trento
Pisa
 

Voti sondaggio
 
Pretinews n. 7

LA NOSTRA COMMUNITY

Home

Sondaggio

Chat

Foto del Mese

Giochi

Webmail

Interviste Pazze

Intervista Doppia

Le Pagelle

Post it

Scrivi Grido

Pillole
 
  Vota Articolo Vota Articolo  elenco articoli Versione Stampabile Segnala ad un amico
 
ATTUALITA'
Olio d'oliva, rintracciabilità di filiera, sicurezza del processo con il Dnv (Det Norske Veritas), rappresentato dal dott. Busani per scelte sicure a favore del consumatore..

Olio d'oliva, rintracciabilità di filiera, sicurezza del processo con il Dnv (Det Norske Veritas), rappresentato dal dott. Busani per scelte sicure a favore del consumatore..
 

Il consumatore sarà ancora maggiormente garantito sulla sicurezza del processo produttivo. Grazie a sistemi innovativi di etichettatura con l'accordo siglato tra Aifo e Dnv

particolare di un frantoio
particolare di un frantoio

Olio di oliva italiano sempre più di qualità. Oltre 100 aziende del nostro paese riceveranno infatti presto la certificazione ISO22005 relativa alla rintracciabilità di filiera nelle aziende olearie. Significa che ai consumatori, anche attraverso sistemi innovativi di etichettatura, saranno offerte maggiori garanzie sulla sicurezza del processo produttivo lungo tutta la filiera e sulla provenienza della materia prima. Questo l'obiettivo dell'accordo siglato tra l'Associazione italiana frantoiani oleari (Aifo) e Dnv (Det Norske Veritas), la fondazione internazionale indipendente con sede a Oslo che, dal 1864, opera per la 'salvaguardia della vita, della proprietà e dell'ambiente'.
Questo accordo è particolarmente importante per la Dnv perché rappresenta la prima iniziativa intrapresa dalla fondazione a livello mondiale per l'applicazione su larga scala dell'ISO22005 nel settore olivicolo. 'La certificazione di rintracciabilità - ha commentato Davide Busani, Food Sector Manager di Dnv Italia - rappresenta un'opportunità, per chi opera lungo tutta la filiera agroalimentare, di salvaguardare e promuovere la tradizione e la tipicità dei prodotti, oltre a rispondere alle aspettative dei consumatori sul piano della qualità e della sicurezza. L'accordo con Aifo si muove in questa direzione e contribuirà a valorizzare una produzione di punta del settore agroalimentare italiano'.
Le aziende che aderiranno al progetto, realizzato con il contributo dell'Unione europea e dall'Italia, potranno quindi dimostrare, ai consumatori e a tutti gli stakeholder, il proprio impegno per la qualità e la sicurezza del prodotto e garantire l'affidabilità dei propri fornitori. La certificazione di rintracciabilità, infatti, permette di identificare e tenere traccia di ogni aspetto dell'attività degli operatori coinvolti nel processo, a partire dall'azienda agricola fino alla tavola, documentando in modo trasparente la storia o la provenienza di un prodotto o delle sue componenti principali, all'interno di una singola azienda e lungo l'intera filiera.
Le verifiche da parte della Dnv si svolgeranno sia presso le imprese, sia presso la stessa sede Aifo, in modo da verificarne le attività di controllo e supporto agli associati che aderiranno al progetto. Secondo la fondazione, in particolare, a garanzia del processo di certificazione, sarà importante individuare i passaggi più critici, cioè le fasi in cui l'identità del prodotto è potenzialmente a rischio, e le metodologie per eseguire il bilancio massa generale - ovvero la stima di bottiglie di olio extravergine d'oliva producibili, ricavata a partire da alcuni dati, come il numero di piante di olivo, in una certa zona e per una data annata.
Ruolo essenziale sarà quello svolto dal 'coordinatore' della filiera, ovvero colui che raccoglierà tutte le informazioni relative alle fasi di raccolta e produzione, in modo da controllare la corretta applicazione e l'efficacia delle regole stabilite per la gestione della rintracciabilità.
L'ISO 22005 rappresenta l'evoluzione, a livello internazionale, delle norme italiane UNI 10939:01 'Sistema di rintracciabilità nelle filiere agroalimentari' e UNI 11020:02 'Sistema di rintracciabilità nelle aziende agroalimentari', di cui recepisce l'impostazione e i contenuti principali.
fonte Mipaf

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Autore: StaffBlog  (Admin)    Data: 19-03-2008   18:44:07
 
 


dedicato ai clienti

il Guizzo

clicca per accedere al sito della Galassia di Preti Mangimi

clicca per scaricare il file in formato pdf

clicca per visitare il sito BRB Volumax

al dialèt dì Crusèra



 MISCELLANEA
  PMI NEWS
  GLOBAL WATCH
  RIVISTE SPECIALIZZATE
  LO SPECIALE
  L'OSCAR
  AGRODOLCE
  SCHEGGE IMPAZZITE
  BUSSOLA DEL GUSTO
  MARKET CAFE'
  ITALIANITA'
  DETTO & FATTO
  BACKSTAGE
  PARTERRE
  ATTUALITA'
  AGROITINERARI
  BOTTA E RISPOSTA
  CURIOSITA'
  TENDENZE
  TECH NEWS
  INTERNET NEWS
  CICLISMO
  RADIO E TV
  CINEMA
  TEATRO
  MUSICA
  LIBRI
  MOSTRE
  ANNIVERSARI
  L'ANGOLO ASTROLOGICO
 Il Meteo
 Wikipedia

Scrivi alla Redazione: info@agrifornews.it
A cura di:
PRETI MANGIMI S.r.l.
Via Smerrieri, 2/4/6 - REVERE (Mantova) - Tel. 0386 46469 - Fax. 0386 846034 / 0386 847156
P.Iva 00229820204
URL: www.pretimangimi.it - Email: info@pretimangimi.it

Informazioni Privacy - Informativa Cookies