LOGIN
Welcome Guest
 
Nick:
Password:
 
Se non hai ancora un account, Registrati ora !!!

»Informativa Privacy
 Messaggi Grido
APPUNTAMENTI
Fiere, Rassegne, Convegni di settore...
mese precedente Oct 2018 mese successivo
D L M M G V S
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
Newsletter e Magazine

 QUOTIDIANI
 SERVIZI
  AGRICONSIGLI
  AGRICOLTURA BIOLOGICA
  AGRICOLTURA BIODINAMICA
  ALIMENTAZIONE E SALUTE
  AMBIENTE E TERRITORIO
  QUALITA E SICUREZZA
  RASSEGNA STAMPA
  ENERGIA E AMBIENTE
  IMMOBILIARE
 LINK UTILI
 Link Utili
 Sondaggio
Qual'è la città più bella d'Italia a Natale?
 
Firenze
Venezia
Roma
Napoli
Torino
Mantova
Bologna
Milano
Verona
Ferrara
Palermo
Bolzano
Perugia
Trento
Pisa
 

Voti sondaggio
 
Pretinews n. 7

LA NOSTRA COMMUNITY

Home

Sondaggio

Chat

Foto del Mese

Giochi

Webmail

Interviste Pazze

Intervista Doppia

Le Pagelle

Post it

Scrivi Grido

Pillole
 
  Vota Articolo Vota Articolo  elenco articoli Versione Stampabile Segnala ad un amico
 
AGRICOLTURA BIODINAMICA
Grande corsa al pomodoro transgenico

Trionfa il biotech in Cina: 'E´ di moda tra i consumatori'

A Est di Daxinxian, a circa 30 chilometri dal centro di Pechino, i pomodori si coltivano in serre riscaldate a temperatura controllata dai computer. Gli ortaggi di qui sono di un rosso più vivo e un po´ più piccoli dei loro simili dei banchi della capitale. Hanno una buccia più spessa - spiegano in questa fattoria - durano più a lungo dei pomodori normali e - alzano la voce orgogliosi - al mercato si vendono a un prezzo più alto. Sono nati nei laboratori di ingegneria genetica, ma qui nessuno si lamenta o si preoccupa della loro origine. In Cina le biotecnologie, oggetto di preoccupati dibattiti in Occidente, sono bene accette, anzi, come nel caso dei pomodori, le varietà create dagli scienziati vendono meglio dei loro simili naturali. 'In Cina, ma anche in Asia in generale, c´è un´adorazione della scienza e di tutto quello che essa può fare - spiega Uli Sigg, svizzero, architetto della prima joint-venture straniera in Cina -. In Occidente siamo ossessionati dai danni e dai rischi legati alla scienza, dai conflitti che crea con le nostre norme etiche o la nostra fede. In Cina, invece, tutto ciò che è nuovo e scientifico è bello e buono. Questo atteggiamento è un enorme vantaggio per lo sviluppo delle biotecnologie'. E, infatti, oltre ai pomodori e agli ortaggi, Pechino si vanta di aver manipolato decine di nuove specie di riso, ormai pronte per il consumo interno e anche per le esportazioni. Dalla Cina più profonda poi, a Changsha, capitale della provincia natale di Mao, l´Hunan, arriva poi l´annuncio che alcuni ricercatori hanno clonato embrioni umani a scopi terapeutici. L´embrione viene fatto crescere e vengono estratte le parti che servono, per poi essere distrutto. Si tratta, insomma, di una sorta di fecondazione in vitro, seguita da una specie di aborto. In Occidente una tecnica del genere suscita le proteste inorridite di gruppi religiosi e di esperti di bioetica, oltre che di molti scienziati. In Cina, invece, le proteste sono pressoché assenti: pochissimi sembrano ricordarsi dei dettami taoismi, secondo cui occorre seguire la natura e non forzarla o, peggio, violentarla. 'I cinesi sono convinti che la sconfitta e l´umiliazione subite da parte degli occidentali, dalle guerre dell´oppio fino alla rivolta dei Boxer, siano dovute anche allo scetticismo e all´indifferenza con cui le classi dirigenti dell´800 considerarono la scienza', spiega Huang Jianliang, ricercatore dell´Accademia delle scienze sociali. Ecco perché i dubbi morali sembrano da tempo accantonati. Lo spiega anche il saggio appena uscito negli Stati Uniti 'Mao´s war against nature' (La guerra di Mao contro la natura) di Judith Shapiro, in cui si racconta la tensione prometeica del dittatore per tentare di superare i limiti della natura, sulla base di una concezione semplicistica e fideistica della scienza occidentale: 'Mao costruì un mondo in cui l´uomo doveva essere costantemente in lotta contro la natura e inculcò questa visione al suo popolo attraverso la repressione e l´indottrinamento, le promesse utopistiche e la censura'. L´esempio (e il fallimento più grande) di questo atteggiamento è l´esperienza del Grande Balzo alla fine degli Anni ´50, basata su conoscenze tecnologiche e scientifiche spesso imprecise e velleitarie. E, infatti, quel fallimento viene oggi giudicato dagli stessi cinesi come la conseguenza di una serie di errori pratici, senza tuttavia porsi interrogativi di tipo morale. Allo stesso modo le proteste contro i danni ambientali del processo di industrializzazione in corso sono prive delle profonde preoccupazioni, talora metafisiche, degli ambientalisti occidentali per le ferite inflitte alla natura. La preoccupazione cinese si basa unicamente su calcoli economici: i danni ecologici, infatti, rallentano il processo di crescita e impongono costi addizionali. Quindi, è per questo, e solo per questo, che l´ambiente dev´essere rispettato e preservato. Questo tipo di prudenza, però, non esiste nei confronti delle biotecnologie: le prospettive di possibili danni alla salute dei consumatori, infatti, sono fortemente attenuate. A parte qualche ipotesi, si esclude l´esistenza di dati concreti. A trionfare sono i calcoli sui vantaggi dell´ingegneria genetica. La Cina ha un disperato bisogno di aumentare la produzione dei cereali e di molti alimenti e al tempo stesso di migliorarne la qualità. Nel suo sforzo di modernizzazione, il paese sta quindi cercando di raggiungere conoscenze d´avanguardia e proprio le esitazioni e i dubbi etici degli occidentali aprono una straordinaria finestra di opportunità per Pechino. Così, mentre i tentativi di accorciare le distanze nell´elettronica e nel settore aerospaziale sono costellati di difficoltà, visto l´impegno americano ed europeo, il biotech si presenta come un 'jolly'. Se in un mondo sempre più globalizzato sono destinate a crescere le riserve sui prodotti dell´agroalimentare cinese, alla lunga sarà decisivo l´impatto nel mercato interno dei prodotti e dei brevetti dell´ingegneria genetica. Alla luce di questo obiettivo i fantasmi di Frankestein (che non appartengono all´immaginario cinese) non valgono quanto i fantasmi che nascono dalle paure di essere sopraffatti, un´altra volta, dalla scienza occidentale.

(fonte: la stampa)

 
clicca per ingrandire
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Autore: Massy  (Admin)    Data: 17-10-2006   23:13:05   Non serve strappare le pagine della vita, basta saper voltar pagina e ricominciare. (J.Morrison)    


dedicato ai clienti

il Guizzo

clicca per accedere al sito della Galassia di Preti Mangimi

clicca per scaricare il file in formato pdf

clicca per visitare il sito BRB Volumax

al dialèt dì Crusèra



 MISCELLANEA
  PMI NEWS
  GLOBAL WATCH
  RIVISTE SPECIALIZZATE
  LO SPECIALE
  L'OSCAR
  AGRODOLCE
  SCHEGGE IMPAZZITE
  BUSSOLA DEL GUSTO
  MARKET CAFE'
  ITALIANITA'
  DETTO & FATTO
  BACKSTAGE
  PARTERRE
  ATTUALITA'
  AGROITINERARI
  BOTTA E RISPOSTA
  CURIOSITA'
  TENDENZE
  TECH NEWS
  INTERNET NEWS
  CICLISMO
  RADIO E TV
  CINEMA
  TEATRO
  MUSICA
  LIBRI
  MOSTRE
  ANNIVERSARI
  L'ANGOLO ASTROLOGICO
 Il Meteo
 Wikipedia

Scrivi alla Redazione: info@agrifornews.it
A cura di:
PRETI MANGIMI S.r.l.
Via Smerrieri, 2/4/6 - REVERE (Mantova) - Tel. 0386 46469 - Fax. 0386 846034 / 0386 847156
P.Iva 00229820204
URL: www.pretimangimi.it - Email: info@pretimangimi.it

Informazioni Privacy - Informativa Cookies