LOGIN
Welcome Guest
 
Nick:
Password:
 
Se non hai ancora un account, Registrati ora !!!

»Informativa Privacy
 Messaggi Grido
APPUNTAMENTI
Fiere, Rassegne, Convegni di settore...
mese precedente Aug 2018 mese successivo
D L M M G V S
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
Newsletter e Magazine

 QUOTIDIANI
 SERVIZI
  AGRICONSIGLI
  AGRICOLTURA BIOLOGICA
  AGRICOLTURA BIODINAMICA
  ALIMENTAZIONE E SALUTE
  AMBIENTE E TERRITORIO
  QUALITA E SICUREZZA
  RASSEGNA STAMPA
  ENERGIA E AMBIENTE
  IMMOBILIARE
 LINK UTILI
 Link Utili
 Sondaggio
Qual'è la città più bella d'Italia a Natale?
 
Firenze
Venezia
Roma
Napoli
Torino
Mantova
Bologna
Milano
Verona
Ferrara
Palermo
Bolzano
Perugia
Trento
Pisa
 

Voti sondaggio
 
Pretinews n. 7

LA NOSTRA COMMUNITY

Home

Sondaggio

Chat

Foto del Mese

Giochi

Webmail

Interviste Pazze

Intervista Doppia

Le Pagelle

Post it

Scrivi Grido

Pillole
 
  Vota Articolo Vota Articolo  elenco articoli Versione Stampabile Segnala ad un amico
 
BACKSTAGE
confartigianato: 'Befana, diffidate delle calze made in Cina'

 

La festa dell'Epifania è particolarmente sentita nella nostra regione. Buona la produzione in provincia di carbone dolce e di calze, forte è però la concorrenza dei prodotti che arrivano dall'est Europa e dall'Asia

La tradizione della Befana rimane ben radicata in provincia. A dirlo, in un comunicato, è la Confartigianato anconetana. Vanno a ruba, in questi giorni, le riproduzioni della 'vecchina' del 6 gennaio insieme con calze, scope e dolciumi - fa sapere l'associazione - e, quanto alla scelta dei regali, ce n'è per tutti i gusti e per tutte le tasche, fatti salvi gli imprescindibili dolciumi che in nessuna calza degna di questo nome possono mancare. Fra i prodotti dell'artigianato maggiormente acquistati in questo periodo svetta in testa il cioccolato, i cui consumi, durante le festività, sono aumentati del 10% rispetto allo scorso anno.

 

 

Si raccomanda invece particolare attenzione nella scelta di befane, calze e scope. 'I prodotti artigiani - ricorda la Confartigianato - sono realizzati con materiali naturali: panno lenci, cartone, tela, lana, juta, legno, gommapiuma. Ma potrebbero esserci dei rischi con i prodotti a basso costo, perlopiù provenienti dalla Cina e dalla Corea, che in molti casi non rispettano le normative sulla sicurezza previste dall'Unione europea'.

 

 

Secondo le rilevazioni di Confartigianato, sono proprio i bambini del centro Italia i più affezionati alla tradizione della Befana. In particolare nelle Marche si concentra un alto numero di feste e di manifestazioni legate all'Epifania, che del resto ha proprio nella nostra terra la sua 'casa': ad Urbania. Seguono poi, nell'affezione alla festa del 6 gennaio, le regioni meridionali, mentre al Nord rimane più radicata la tradizione di Babbo Natale. Detto ciò, come ogni anno tornerà anche questo 6 gennaio 2008 al PAlabaldinelli di Osimo, a partire dalle ore 10.00, la Befana Artigiana della Confartigianato.

 

 

Antichissime le origini del personaggio della Befana, che tuttavia è nominata per la prima volta in uno scritto del 1549. Tuttavia, com'è ovvio, la festa della Befana, diffusa in tutti i paesi, è oggi molto diversa rispetto al passato i bambini attendevano l'arrivo della vecchina appendendo una calza di lana fatta a mano al caminetto.

Calza che poi, per la felicità dei piccoli al loro risveglio, si riempiva nella notte di mandarini, caramelle di orzo fatte in casa e di prodotti della campagna come le noci, mentre per i bambini troppo 'discoli' c'era il carbone o la cenere.

 

 

Fra le ragioni che spiegano la 'riscoperta' della festa dell'Epifania nelle Marche c'è poi, ricorda la Confartigianato, anche la discreta produzione, nella nostra regione, di calze e di carbone dolce, sfornato dalle nomerose pasticcerie della provincia dorica, simboli imprescindibili della Befana. Tuttavia nella produzione delle calze non mancano i concorrenti, in particolare i paesi dell'est Europa e del sud-est asiatico.

Meno ferrata la nostra regione lo è invece nella produzione di scope, anch'esse prodotte invece in quantità dai paesi dell'Est e in particolare a Taiwan. Una curiosità: se nell'Ottocento si trattava di ramazze costruite con le 'cannucce' di Fucecchio, procedendo negli anni si è passati alle scope di saggina, fino ad arrivare a quelle moderne, fatte con materiale sintetico.

(fonte: ilrestodelcarlino.quotidiano.net)

 

 

 
clicca per ingrandire
clicca per ingrandire
clicca per ingrandire
clicca per ingrandire
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Autore: StaffBlog  (Admin)    Data: 03-01-2008   18:16:21
 
 


dedicato ai clienti

il Guizzo

clicca per accedere al sito della Galassia di Preti Mangimi

clicca per scaricare il file in formato pdf

clicca per visitare il sito BRB Volumax

al dialèt dì Crusèra



 MISCELLANEA
  PMI NEWS
  GLOBAL WATCH
  RIVISTE SPECIALIZZATE
  LO SPECIALE
  L'OSCAR
  AGRODOLCE
  SCHEGGE IMPAZZITE
  BUSSOLA DEL GUSTO
  MARKET CAFE'
  ITALIANITA'
  DETTO & FATTO
  BACKSTAGE
  PARTERRE
  ATTUALITA'
  AGROITINERARI
  BOTTA E RISPOSTA
  CURIOSITA'
  TENDENZE
  TECH NEWS
  INTERNET NEWS
  CICLISMO
  RADIO E TV
  CINEMA
  TEATRO
  MUSICA
  LIBRI
  MOSTRE
  ANNIVERSARI
  L'ANGOLO ASTROLOGICO
 Il Meteo
 Wikipedia

Scrivi alla Redazione: info@agrifornews.it
A cura di:
PRETI MANGIMI S.r.l.
Via Smerrieri, 2/4/6 - REVERE (Mantova) - Tel. 0386 46469 - Fax. 0386 846034 / 0386 847156
P.Iva 00229820204
URL: www.pretimangimi.it - Email: info@pretimangimi.it

Informazioni Privacy - Informativa Cookies