LOGIN
Welcome Guest
 
Nick:
Password:
 
Se non hai ancora un account, Registrati ora !!!

»Informativa Privacy
 Messaggi Grido
APPUNTAMENTI
Fiere, Rassegne, Convegni di settore...
mese precedente Aug 2018 mese successivo
D L M M G V S
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
Newsletter e Magazine

 QUOTIDIANI
 SERVIZI
  AGRICONSIGLI
  AGRICOLTURA BIOLOGICA
  AGRICOLTURA BIODINAMICA
  ALIMENTAZIONE E SALUTE
  AMBIENTE E TERRITORIO
  QUALITA E SICUREZZA
  RASSEGNA STAMPA
  ENERGIA E AMBIENTE
  IMMOBILIARE
 LINK UTILI
 Link Utili
 Sondaggio
Qual'è la città più bella d'Italia a Natale?
 
Firenze
Venezia
Roma
Napoli
Torino
Mantova
Bologna
Milano
Verona
Ferrara
Palermo
Bolzano
Perugia
Trento
Pisa
 

Voti sondaggio
 
Pretinews n. 7

LA NOSTRA COMMUNITY

Home

Sondaggio

Chat

Foto del Mese

Giochi

Webmail

Interviste Pazze

Intervista Doppia

Le Pagelle

Post it

Scrivi Grido

Pillole
 
  Vota Articolo Vota Articolo  elenco articoli Versione Stampabile Segnala ad un amico
 
CURIOSITA'
Psicologi tedeschi e americani: La vostra scrivania è un caos? Bene, sul lavoro produrrete di più.

La vostra scrivania è un caos? Bene, sul lavoro produrrete di più. A sostenere i lati positivi del disordine sono psicologi tedeschi e americani: ognuno ha un livello personale di disordine, e quando lo raggiunge dà il meglio di sé. 

Dunque l'idea che solo con una scrivania immacolata si possa pensare e lavorare al massimo non trova riscontro. Il disordine genera più associazioni di idee e rispecchia una personalità flessibile e dagli interessi molteplici. Secondo Stephan Gruenewald, psicologo e consulente, ciascuno si costruisce un proprio ordine e sa riconoscere il 'mucchio' di carte più importante: i documenti sono sempre a portata di mano nelle 'zone calde' del tavolo. Le carte inutili, invece, migrano da sole verso le 'zone fredde', come se fossero guidate da una 'mano invisibile'.

Imporre un altro tipo di ordine, rende i dipendenti inefficienti ed è fonte di stress. A supporto, la ricerca cita il caso di un'impresa di sei persone nei pressi di Francoforte che si era rivolta a un consulente, che ristabilisse ordine e pulizia sulle scrivanie: dopo il suo passaggio i dipendenti non riuscivano più a trovare nulla.

Un tavolo caotico sarebbe inoltre anche un indice dello status sociale della persona: l'altezza delle montagne di carta è direttamente proporzionale al livello di istruzione, al reddito e all'esperienza. Il disordine, poi, farebbe addirittura risparmiare tempo. Per rovistare tra le proprie carte - sostengono alcuni studi - si perdono solo nove minuti al giorno, forti del fatto che, nel proprio disordine, ognuno sappia in realtà trovare tutto quello che cerca. Secondo Eric Abrahmson, professore alla Columbia University di New York, chi ha un tavolo vuoto impiega il 36% di tempo in più per recuperare il materiale che gli serve.

Proviamo?

 
clicca per ingrandire
clicca per ingrandire
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Autore: StaffBlog  (Admin)    Data: 07-09-2007   20:15:58
 
 


dedicato ai clienti

il Guizzo

clicca per accedere al sito della Galassia di Preti Mangimi

clicca per scaricare il file in formato pdf

clicca per visitare il sito BRB Volumax

al dialèt dì Crusèra



 MISCELLANEA
  PMI NEWS
  GLOBAL WATCH
  RIVISTE SPECIALIZZATE
  LO SPECIALE
  L'OSCAR
  AGRODOLCE
  SCHEGGE IMPAZZITE
  BUSSOLA DEL GUSTO
  MARKET CAFE'
  ITALIANITA'
  DETTO & FATTO
  BACKSTAGE
  PARTERRE
  ATTUALITA'
  AGROITINERARI
  BOTTA E RISPOSTA
  CURIOSITA'
  TENDENZE
  TECH NEWS
  INTERNET NEWS
  CICLISMO
  RADIO E TV
  CINEMA
  TEATRO
  MUSICA
  LIBRI
  MOSTRE
  ANNIVERSARI
  L'ANGOLO ASTROLOGICO
 Il Meteo
 Wikipedia

Scrivi alla Redazione: info@agrifornews.it
A cura di:
PRETI MANGIMI S.r.l.
Via Smerrieri, 2/4/6 - REVERE (Mantova) - Tel. 0386 46469 - Fax. 0386 846034 / 0386 847156
P.Iva 00229820204
URL: www.pretimangimi.it - Email: info@pretimangimi.it

Informazioni Privacy - Informativa Cookies