LOGIN
Welcome Guest
 
Nick:
Password:
 
Se non hai ancora un account, Registrati ora !!!

»Informativa Privacy
 Messaggi Grido
APPUNTAMENTI
Fiere, Rassegne, Convegni di settore...
mese precedente Aug 2018 mese successivo
D L M M G V S
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
Newsletter e Magazine

 QUOTIDIANI
 SERVIZI
  AGRICONSIGLI
  AGRICOLTURA BIOLOGICA
  AGRICOLTURA BIODINAMICA
  ALIMENTAZIONE E SALUTE
  AMBIENTE E TERRITORIO
  QUALITA E SICUREZZA
  RASSEGNA STAMPA
  ENERGIA E AMBIENTE
  IMMOBILIARE
 LINK UTILI
 Link Utili
 Sondaggio
Qual'è la città più bella d'Italia a Natale?
 
Firenze
Venezia
Roma
Napoli
Torino
Mantova
Bologna
Milano
Verona
Ferrara
Palermo
Bolzano
Perugia
Trento
Pisa
 

Voti sondaggio
 
Pretinews n. 7

LA NOSTRA COMMUNITY

Home

Sondaggio

Chat

Foto del Mese

Giochi

Webmail

Interviste Pazze

Intervista Doppia

Le Pagelle

Post it

Scrivi Grido

Pillole
 
  Vota Articolo Vota Articolo  elenco articoli Versione Stampabile Segnala ad un amico
 
AGROITINERARI
Un assaggio tipicamente Pavese, dal 14 settembre un Autunno Doc.

54^ EDIZIONE, Pavia, Palazzo Esposizioni
Dal 14 al 18 settembre 2006

Orari:
Gio-Ven-Lun 17.00/24.00
Sab 15.00/24.00
Dom 10.00/24.00

Ingresso:
intero € 3,5
ridotto € 2,5
gratuito fino ai 12 anni

Al Top delle iniziative....

PASTE ... E PASTA

Fanno parte della tradizione pavese ed oltrepadana. Non mancano mai sulla tavola dei pavesi. Sono le più complete espressioni delle paste ripiene. Un ritaglio di pasta racchiude, con un altro ritaglio di pasta, un mucchietto di ripieno preparato secondo ricette segrete di antica tradizione con ingredienti genuini e carni cucinate secondo l'usanza del luogo.

'Per la sagra e a Natale erano d'obbligo i ravioli: e qualche volta, pur di farli, si inventava un ripieno simbolico di semplice mollica'.
Da 'La Pacciada - Mangiarebere in Pianura padana' pag 121
Gianni Brera, Luigi Veronelli. Baldini e Castoldi 1996.

Anche se il Milanese con le sue infleunze...ripropone la 'Cultural gastronomica' sulle carni di vitello italiano in tavola: 'Vitelli d'Italia'. Carni dal colorito rosa chiaro, consistenza cedevole, grana finissima dove il grasso infiltrato nel tessuto muscolare può presentare la venatura e, solo in casi eccezionali la marezzatura; carni dal gusto molto tenue, così che le ricette tendono ad aggiungere altri sapori, con la friggitura e con l'aggiunta di salse .

 

La cucina milanese si attiene a questi principi nelle sue cinque specialità per le quali va famosa nel mondo : le costolette ricavate dalla parte anteriore lombata di vitello con il ' manico' ; i nodini, meglio conosciuti come rostin negàa, perché 'annegati' nel vino durante la cottura; le polpette e i mondeghili , gli ossi buchi e el vitell tonné cald.

 

La costoletta alla milanese è ricavata dalla lombata del vitello, conservandone l'osso che inalbera nel piatto, passata nell'uovo sbattuto e nel pane grattugiato e poi fritta nel burro chiarificato. Alcuni hanno arbitrariamente creato un ibrido tra due definizioni della medesima cosa: l'italiana costoletta derivata da costa, e la francese cotelette derivata da côte, coniando il termine cotoletta che non ha ragione di esistere nella corretta lingua italiana. La denominazione milanese cotelètta viene citata dal Cherubini nel suo Vocabolario Milanese italiano del 1814 come voce derivata dal francese cotelette e definita: carne costereccia degli animali ridotta in vivanda.

 

Ottorina Perna Bozzi, nel suo libro ' La Lombardia in cucina' annota: ' chissà perché si fanno tante discussioni per decidere se la costoletta milanese è stata copiata dalla viennese o viceversa. Con altrettante ragioni, e forse una di più, si potrebbe fare lo stesso discorso per le braciole d'abbacchio panate alla romana, perché anche quelle sono tagliate nel lombo ed hanno l'osso, mentre le viennesi sono di fesa e sono quasi sempre di maiale e non di vitello come le nostre. Ma la differenza sta soprattutto nel fatto che le viennesi sono sottilissime, ben battute e larghissime, passate nella farina, nell'uovo sbattuto e poi nel pangrattato, mentre le nostre devono essere alte quanto l'osso, poco battute e impanate passandole nell'uovo sbattuto e poi subito nel pangrattato.'

 

Mastro Martino da Como, nel suo manoscritto del 1492, dà precise indicazioni sul metodo dell'impanatura dei lombolos cum panito :'poi mittila ordinatamente nel speto, et ponila al foco, et daglilo nel principio ad ascio ad ascio, perché sia bello et bono arrosto se deve cocere pian piano; et quando ti pare che sia presso che cotto, piglia un pane bianco, et grattogialo menuto, et con esso pane mescola tanto sale quanto te pare necessario per lo arrosto; poi gitta questa mescolanza de pane et de sale sopra lo arrosto in modo che ne vadi in ogni loco; poi dalli una bona calda de foco, facendolo voltar presto; et in questo modo haverai el tuo arrosto, bello, et colorito. De poi mandalo a tabula; quanto più presto, è meglio.'

 

I medici medioevali prescrivevano l'assunzione dell'oro quale antidoto alle malattie di cuore, pertanto molte portate erano rivestite con polvere d'oro purissimo. La borghesia milanese, molto attenta alla destinazione dei suoi danée si rese ben presto conto che non era tanto il metallo, bensì il suo colore a favorire la digestione e quindi sostituì l'oro costosissimo con il pane grattugiato dorato dalla frittura così come si può rilevare dalla lista delle vivande offerte nel 1134 ai canonici di S. Ambrogio nel giorno della festa di S. Satiro che comprendeva un pasto di nove portate fra cui i 'lombolos cum panitio'.

Un'arida discussione vuole avvicinare la costoletta alla milanese alla Wiener schnitzel: due preparazioni cucinarie che non hanno alcuna analogia salvo quella di presentare una certa rassomiglianza all'occhio dei più sprovveduti che citano un fantomatico documento nel quale il Maresciallo Radetzky avrebbe descritto la costoletta di vitello intinta nell'uovo, impanata e fritta nel burro a Francesco Giuseppe, noto per la frugalità dei suoi pranzi. La specialità milanese derivata dai ' lombulos cum panitio' del dodicesimo secolo precede invece quella viennese pubblicata ricettario ' Das grosse Sacher Kochbuch' che riporta la ricetta tratta dal 'Piccolo libro di cucina austriaca' edito nel 1798.

 

I rostin negaa sono nodini di vitello ricavati dalla lombata nella parte corrispondente alle vertebre lombari, alti almeno due centimetri, infarinati e rosolati in un fondo di pancetta e burro, poi bagnati con vino bianco secco e cotti per un'ora finché siano glassati. L'indimenticabile Gianni Brera dà la sua ricetta nel libro ' la pacciada - mangiare bene nella pianura padana '.

 

A Milano si fa una netta differenza fra polpette e mondeghili. Le polpette sono costituite da fettine di carne che avvolgono diversi tipi di ripieni di carni tritate: polpette della serva, molto dozzinali ma saporite, riportate dalla 'Cuciniera ' del 1809: le polpette della nonna e altre preparazioni cucinarie di farcia avvolta in fettine di carne di vitello. I messicani sono un variazione fonetica delle polpette.

 

I mondeghilli, invece, sono fatti con carne tritata, impanata e fritta in forma di palla ed il nome risale agli arabi che insegnarono agli spagnoli come si potesse preparare la carne tritata in forma di palla: che in arabo, si dice al-bundukc, da cui 'albondiga ' che tuttora in spagnolo significa ' polpetta'. divenuta poi albondeguito e quindi mondeghili durante la scellerata permanenza spagnola a Milano.

 

All'insegna del più tipico e celebrato piatto milanese: l'osso buco, il 5 maggio 1960 Giuseppe Cavazzana ha fondato la' Sodalitas ossorum foratorum ' che, per darsi un meritato tono aulico, ha redatto il testo in latino maccheronico: ab immemorabili munfi creatione Ossa sic forata hominibus substantiam vitae dederunt commista medulla et parvulo flaveo risoto ut Mediolaniensis Seniores manducare solent. L'attuale Gran Maestro, Benedetto Alaimo ricorda l'aulica ricetta degli ossi buchi : oss bus: rosolate gli ossi buchi infarinati in burro abbondante, spruzzateli di vino bianco secco, salateli, impepateli, profumateli con una grattugiata di noce moscata. Tirateli a cottura con fuoco lento, bagnandoli di tanto in tanto con brodo caldo. Quando vedete che la carne comincia a staccarsi dall'osso, allestite una salsa gremolata battendo sul tagliere giallo di limone, prezzemolo, aglio e versategliela sopra. Non girateli; ancora qualche minuto di cottura e sono pronti. Per chi non lo sapesse, gli ossi buchi si ricavano dal garretto del vitello, alti al massimo tre centimetri, comprendono carne, osso e midollo. Il midollo è una delle parti più prelibate e lo si recupera con una specie di cucchiaino bislungo che i milanesi, umoristicamente, chiamano ' agente delle tasse' .

 

Per ovviare alla mancanza di pesce di mare sulle mense ambrosiane dell'800, si ricorse a realizzare il 'vitell tonné cald ' : ricordato da Dino Betti Van der Noot: Delegato della Delegazione di Milano dell'Accademia Italiana della cucina.

 

Far rosolare il magatello nell'olio già caldo. Aggiungere sale, pepe, vino, chiodo di garofano, sedano e carota, e proseguire la cottura come un normale arrosto. Quando la carne è cotta, togliere gli odori, tritare le verdure e completare il sugo col burro impastato con la farina. Portarlo quindi fino ad ebollizione, togliendolo poi subito dal fuoco. Aggiungergli anche il tonno, le acciughe e i cetriolini tritati a purea, oltre al succo di limone. Mescolare bene il sugo e ridurlo quanto basta, quindi coprirne la carne, che sarà stata nel frattempo tagliata a fette molto sottili. I commensali dovrebbero infatti poter tagliare la carne con la sola forchetta, quasi si trattasse di pesce. Servire caldo, accompagnando con purée di patate.

 

Cinque variazioni sul tema molto più ampio della cultura cucinaria milanese che si può e si deve salvare dall'onda di piena delle altre cucine identificando e adeguando, quando sia possibile al gusto attuale, le sue ricette; ma chiamandole sempre con il loro vero nome per eliminare ogni storpiatura portata da quanti non conoscono la lingua del Maggi e del Porta .

 
clicca per ingrandire
clicca per ingrandire
clicca per ingrandire
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Autore: StaffBlog  (Admin)    Data: 16-08-2007   06:30:28
 
 


dedicato ai clienti

il Guizzo

clicca per accedere al sito della Galassia di Preti Mangimi

clicca per scaricare il file in formato pdf

clicca per visitare il sito BRB Volumax

al dialèt dì Crusèra



 MISCELLANEA
  PMI NEWS
  GLOBAL WATCH
  RIVISTE SPECIALIZZATE
  LO SPECIALE
  L'OSCAR
  AGRODOLCE
  SCHEGGE IMPAZZITE
  BUSSOLA DEL GUSTO
  MARKET CAFE'
  ITALIANITA'
  DETTO & FATTO
  BACKSTAGE
  PARTERRE
  ATTUALITA'
  AGROITINERARI
  BOTTA E RISPOSTA
  CURIOSITA'
  TENDENZE
  TECH NEWS
  INTERNET NEWS
  CICLISMO
  RADIO E TV
  CINEMA
  TEATRO
  MUSICA
  LIBRI
  MOSTRE
  ANNIVERSARI
  L'ANGOLO ASTROLOGICO
 Il Meteo
 Wikipedia

Scrivi alla Redazione: info@agrifornews.it
A cura di:
PRETI MANGIMI S.r.l.
Via Smerrieri, 2/4/6 - REVERE (Mantova) - Tel. 0386 46469 - Fax. 0386 846034 / 0386 847156
P.Iva 00229820204
URL: www.pretimangimi.it - Email: info@pretimangimi.it

Informazioni Privacy - Informativa Cookies