LOGIN
Welcome Guest
 
Nick:
Password:
 
Se non hai ancora un account, Registrati ora !!!

»Informativa Privacy
 Messaggi Grido
APPUNTAMENTI
Fiere, Rassegne, Convegni di settore...
mese precedente Sep 2019 mese successivo
D L M M G V S
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
Newsletter e Magazine

 QUOTIDIANI
 SERVIZI
  AGRICONSIGLI
  AGRICOLTURA BIOLOGICA
  AGRICOLTURA BIODINAMICA
  ALIMENTAZIONE E SALUTE
  AMBIENTE E TERRITORIO
  QUALITA E SICUREZZA
  RASSEGNA STAMPA
  ENERGIA E AMBIENTE
  IMMOBILIARE
 LINK UTILI
 Link Utili
 Sondaggio
Qual'è la città più bella d'Italia a Natale?
 
Firenze
Venezia
Roma
Napoli
Torino
Mantova
Bologna
Milano
Verona
Ferrara
Palermo
Bolzano
Perugia
Trento
Pisa
 

Voti sondaggio
 
Pretinews n. 7

LA NOSTRA COMMUNITY

Home

Sondaggio

Chat

Foto del Mese

Giochi

Webmail

Interviste Pazze

Intervista Doppia

Le Pagelle

Post it

Scrivi Grido

Pillole
 
  Vota Articolo Vota Articolo  elenco articoli Versione Stampabile Segnala ad un amico
 
ANNIVERSARI
Nella notte del 13 agosto 1961, era domenica, esattamente all'1,10 l'emittente di Berlino Est interrompe

 Nella notte del 13 agosto 1961, era domenica,  esattamente all'1,10  l'emittente di Berlino Est interrompe 'Melodien zur Nacht' e lo speaker informa che:' i governi del Patto di Varsavia hanno invitato il Parlamento e  il Governo della DDR (Deutsche Democratische Republik) di effettuare un controllo efficace delle proprie frontiere a Berlino'

      Qualche ora più tardi, alle 03.20, l' Ansa da la seguente laconica notizia: ' Il confine fra Berlino est e Berlino ovest è stato chiuso questa notte' .
       Alle ore 03.28 la stessa Agenzia : 'Autocarri carichi di truppe della Rdt sono stati visti prendere posizione lungo la linea di confine presso la Porta di Brandenburgo.... I cittadini della Germania orientale possono entrare a Berlino ovest solo se in possesso di una 'speciale autorizzazione'.

         All'alba del 13 agosto, dunque,    i  Kampfgruppen di Walter Ulbricht hanno già costruito la 'Barriera di protezione antifascista', die Mauer (il muro), una parete  di cemento alta quattro metri e lunga centosessanta chilometri, quaranta dei quali dentro Berlino,  che impedisce ogni collegamento tra la parte ovest della città e quella della parte est (die Zone) e qualsiasi possibilità di fuga ai cittadini dell'Est che in numero sempre maggiore abbandonavano il  'paradiso socialista'  in cerca di libertà e benessere.

      Nei  mesi precedenti l'agosto del 1961 erano stati ben 160 mila i tedeschi dell'Est che avevano abbandonato la propria terra senza speranza alcuna di potervi rientrare.Berlino è, ormai,  una città divisa in due da cavalli di frisia e blocchi di cemento anti-carro. Centonovanta strade diventano altrettanti vicoli ciechi e persino le tombe dell'Invalidenfriedhof vengono spostate per fare spazio al muro che lo attraversa.    

        Molte famiglie, residenti nello stesso quartiere si sono improvvisamente trovate divise e per oltre 28 anni; così a lungo sarebbe rimasto in piedi  'Die Mauer', fino al 9 novembre 1989, allorquando inaspettatamente  Günther Schabowski, leader del partito comunista di Berlino Est, annuncia  che da quel momento il Muro viene aperto per permettere 'viaggi personali all'estero'.

        Sono circa le sette di sera e di lì a poco migliaia di berlinesi spontaneamente si accalcano, ad est e ad ovest, alla porta di Brandenburgo e nella Kurfürstendamm per festeggiare l'evento. Mentre il famoso violoncellista Rostropovich suona in segno di esultanza, il Muro viene abbattuto, le famiglie  si riabbracciano e comincia, così,  l'era che porterà alla caduta dell' Unione sovietica e dei governi  satelliti dell'Europa  che fino ad allora  veniva definita d'oltrecortina.

     Günter Lutwin e Chris Gueffroy sono  il primo e l'ultimo dei 1065 Flüchtlingen ( i profughi) che nel corso degli anni persero la vita  sotto il fuoco dei Volkspolizisten ( i 'Vopos') di Ulbricht, mentre tentavano di scappare dalla DDR, dopo la costruzione del Muro.

Nel 'Mauermuseum' eretto nel punto in cui era installato il  Checkpoint Charlie,  uno dei tre varchi per il transito di Autorità, diplomatici e militari,  sono    conservati impressionanti reperti provenienti dai tentativi di fuga  effettuati da singoli cittadini o addirittura da gruppi, che hanno osato di tutto pur di  sottrarsi all'estrema violenza rappresentata dal  sinistro manufatto, diretta conseguenza della Seconda Guerra mondiale e della successiva 'Guerra fredda' determinatasi tra i due blocchi, il sovietico e l'occidentale.

 
clicca per ingrandire
clicca per ingrandire
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Autore: StaffBlog  (Admin)    Data: 13-08-2007   19:19:52
 
 


dedicato ai clienti

il Guizzo

clicca per accedere al sito della Galassia di Preti Mangimi

clicca per scaricare il file in formato pdf

clicca per visitare il sito BRB Volumax

al dialèt dì Crusèra



 MISCELLANEA
  PMI NEWS
  GLOBAL WATCH
  RIVISTE SPECIALIZZATE
  LO SPECIALE
  L'OSCAR
  AGRODOLCE
  SCHEGGE IMPAZZITE
  BUSSOLA DEL GUSTO
  MARKET CAFE'
  ITALIANITA'
  DETTO & FATTO
  BACKSTAGE
  PARTERRE
  ATTUALITA'
  AGROITINERARI
  BOTTA E RISPOSTA
  CURIOSITA'
  TENDENZE
  TECH NEWS
  INTERNET NEWS
  CICLISMO
  RADIO E TV
  CINEMA
  TEATRO
  MUSICA
  LIBRI
  MOSTRE
  ANNIVERSARI
  L'ANGOLO ASTROLOGICO
 Il Meteo
 Wikipedia

Scrivi alla Redazione: info@agrifornews.it
A cura di:
PRETI MANGIMI S.r.l.
Via Smerrieri, 2/4/6 - REVERE (Mantova) - Tel. 0386 46469 - Fax. 0386 846034 / 0386 847156 rolex replica
P.Iva 00229820204 replica watches uk
URL: www.pretimangimi.it - Email: info@pretimangimi.it

Informazioni Privacy - Informativa Cookies