LOGIN
Welcome Guest
 
Nick:
Password:
 
Se non hai ancora un account, Registrati ora !!!

»Informativa Privacy
 Messaggi Grido
APPUNTAMENTI
Fiere, Rassegne, Convegni di settore...
mese precedente Aug 2018 mese successivo
D L M M G V S
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
Newsletter e Magazine

 QUOTIDIANI
 SERVIZI
  AGRICONSIGLI
  AGRICOLTURA BIOLOGICA
  AGRICOLTURA BIODINAMICA
  ALIMENTAZIONE E SALUTE
  AMBIENTE E TERRITORIO
  QUALITA E SICUREZZA
  RASSEGNA STAMPA
  ENERGIA E AMBIENTE
  IMMOBILIARE
 LINK UTILI
 Link Utili
 Sondaggio
Qual'è la città più bella d'Italia a Natale?
 
Firenze
Venezia
Roma
Napoli
Torino
Mantova
Bologna
Milano
Verona
Ferrara
Palermo
Bolzano
Perugia
Trento
Pisa
 

Voti sondaggio
 
Pretinews n. 7

LA NOSTRA COMMUNITY

Home

Sondaggio

Chat

Foto del Mese

Giochi

Webmail

Interviste Pazze

Intervista Doppia

Le Pagelle

Post it

Scrivi Grido

Pillole
 
  Vota Articolo Vota Articolo  elenco articoli Versione Stampabile Segnala ad un amico
 
AGROITINERARI
A Curtatone (Mantova) va segnalata l'antica «Fiera delle Grazie»,Dal 12 al 16, mercato all'aperto, spettacoli serali e il tradizionale Incontro dei Madonnari

A Curtatone (Mantova) va segnalata l'antica «Fiera delle Grazie» (ufficio cultura tel. 0376.358128, lun./sab. 8/14.30), festa che risale al 1400. Dal 12 al 16, mercato all'aperto, spettacoli serali e il tradizionale Incontro dei Madonnari con 200 «pittori d'asfalto» da tutta Europa.

Ogni anno il 15 agosto in coincidenza con una delle maggiori feste che la Chiesa dedica alla Madre di Dio nel giorno della sua Assunzione, si rinnova l'antichissima Fiera delle Grazie, le cui origini risalgono al 1400 essendo coeva all'edificazione del santuario.

I continui pellegrinaggi alla Madonna delle Grazie crebbero a dismisura favoriti ed amplificati dalla fama del nuovo 'Tempio' e dai miracoli che la fede accreditava all'immagine della Madonna. Il luogo non era però adeguatamente attrezzato per offrire ospitalità ai fedeli che non sempre trovavano la possibilità di ristorarsi dalle fatiche dei lunghi percorsi e dai digiuni che la devozione alla Madonna imponeva loro. Alcuni pellegrini, avvertendo questo disagio, si trasformarono in commercianti impiantando i primi banchi di vendita di generi alimentari. Questa felice intuizione commerciale si perfezionò nel tempo fino a sfociare nella fiera vera e propria.

La prima grida che parla della fiera è del 11-8-1425 a firma di Francesco Gonzaga 5° capitano. La fiera delle Grazie manterrà l'aspetto di festa religiosa che alle origini è predominante e di sobrio soddisfacimento delle primarie necessità alimentari degli stanchi pellegrini e di piccolo commercio di approvvigionamento ad uso popolare fino al 1499. Nel tempo la fiera (venne sospesa nel 1469 per l'infezione della peste e riprese l'anno successivo) inizia ad assumere una connotazione economico-commerciale, si cominciarono a trattare non solo generi alimentari ma di tutto quanto è necessario al vivere, vestire e alla casa.

Oltre che un incontro religioso e commerciale la fiera diviene anche un momento di divertimento e di distrazione dal duro lavoro quotidiano, quindi un momento di comunicazione e di scambio culturale.


I MADONNARI

La vicenda dei Madonnari inizia alle Grazie nel 1973, quando Gilberto Boschesi, ricercatore del costume popolare e delle tradizioni padane, pensò di dare riconoscimento e valore all'arte dei Madonnari che da sempre, singolarmente e spontaneamente, erano presenti alle Grazie nei giorni di fiera come in altre località italiane.

Il 15 Agosto del 1973, l'Ente Provinciale Turismo di Mantova, l'Associazione ProLoco e il Comune di Curtatone, riunirono per la prima volta sul sagrato del Santuario della B.V. delle Grazie i cosiddetti 'PITTORI DEI MARCIAPIEDI'.
In quella circostanza una giuria composta da giornalisti e critici d'arte tra i quali ENZO TORTORA, conferì loro una qualifica più appropriata, quella di 'MADONNARI' come la tradizione popolare chiamava i pittori e venditori ambulanti di immagini sacre.
Titolo confacente con la loro caratteristica di dipingere, usando semplici gessetti colorati, prevalentemente sul selciato dei sagrati delle chiese e santuari in occasione di feste religiose, fiere e sagre, immagini del sacro popolare d'ispirazione cristiana.

L'incontro ed il relativo concorso pittorico, che stabilisce chi potrà fregiarsi del titolo di 'Maestro Madonnaro' e offrire al vincitore, per un anno, il trofeo dei Madonnari, si ripete ogni anno il 15 Agosto, festa dell'Assunta, nel contesto dell'Antichissima Fiera delle Grazie che si tiene da sempre nello stesso luogo sin dalla fondazione del Santuario (1399).
In passato la manifestazione ebbe il riconoscimento dei Presidenti della Repubblica Sandro Pertini e Francesco Cossiga e negli ultimi 3 anni l'alto patronato del Presidente della Regione Lombardia.
Anche il Ministero dei beni culturali offrì il proprio interessamento allo scopo di salvaguardare un'espressione di arte popolare in pericolo di estinzione.

Dall'esigua partecipazione di Madonnari al primo raduno, nel corso degli anni si arriva a più di 200 presenze e tra queste molti stranieri: tedeschi, francesi, spagnoli, slavi, polacchi, americani. Significativa è la presenza femminile.

La manifestazione, che nel corso degli anni si è trasformata in sagra artistica internazionale, ha interessato tutta la stampa nazionale e internazionale ed è stata documentata più volte dalle reti televisive italiane, dalla 'Associated Press' e ultimamente dalla 'National Geografic' e dalla 'ABC' americana.

Questo raduno-concorso di Grazie di Curtatone è stato imitato in altre città italiane ed europee ed americane. Infatti in alcune città della California, Santa Barbara, Santa Monica, San Diego e San Raphael, si tengono manifestazioni che nella loro forma organizzativa, sono simili alla nostra.

Grazie diventa nei giorni a cavallo di Ferragosto il più singolare laboratorio all'aperto che si conosca. Uno sfoggio di maestria e creatività destinati a sciogliersi dopo pochi giorni o addirittura dopo poche ore, se la pioggia cade impietosa sulle opere dei Madonnari, esempio concreto di arte effimera che si può imprigionare solo attraverso l'obiettivo fotografico.

La fiera delle Grazie richiama ogni anno dalle cento alle duecentomila persone e dura dalle 4 alle 6 giornate. La kermesse dei Madonnari inizia la notte della vigilia di ferragosto, quando dopo la benedizione dei gessetti da parte del Vescovo di Mantova gli artisti cominciano a dipingere e si conclude intorno alle 18 del 15 Agosto, con il verdetto della giuria.

I Madonnari si organizzarono in associazione, ufficialmente con il nome di AMI: Associazione Madonnari Italiana con la presidenza del Sindaco di Curtatone. Poi in seguito in tanti altri gruppi con varie denominazioni.

Ora è sorto il CIM: Centro Italiano Madonnari con il compito di dirigere questo 'UNIVERSO' per la conservazione del carteggio, del materiale fotografico che documenta la loro storia e gli schedari con tutti i nominativi dei partecipanti negli anni, ed anche di alcune significative opere a gessetto dei vari periodi per confrontare l'evoluzione delle ' maniere ' di dipingere dei vari Maestri che si sono avvicendati nel tempo, lasciandoci testimonianze di un'arte antichissima ma sempre attuale, perché espressione spontanea di estetica figurativa di immediata emozionalità.

 
clicca per ingrandire
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Autore: StaffBlog  (Admin)    Data: 10-08-2007   19:06:52
 
 


dedicato ai clienti

il Guizzo

clicca per accedere al sito della Galassia di Preti Mangimi

clicca per scaricare il file in formato pdf

clicca per visitare il sito BRB Volumax

al dialèt dì Crusèra



 MISCELLANEA
  PMI NEWS
  GLOBAL WATCH
  RIVISTE SPECIALIZZATE
  LO SPECIALE
  L'OSCAR
  AGRODOLCE
  SCHEGGE IMPAZZITE
  BUSSOLA DEL GUSTO
  MARKET CAFE'
  ITALIANITA'
  DETTO & FATTO
  BACKSTAGE
  PARTERRE
  ATTUALITA'
  AGROITINERARI
  BOTTA E RISPOSTA
  CURIOSITA'
  TENDENZE
  TECH NEWS
  INTERNET NEWS
  CICLISMO
  RADIO E TV
  CINEMA
  TEATRO
  MUSICA
  LIBRI
  MOSTRE
  ANNIVERSARI
  L'ANGOLO ASTROLOGICO
 Il Meteo
 Wikipedia

Scrivi alla Redazione: info@agrifornews.it
A cura di:
PRETI MANGIMI S.r.l.
Via Smerrieri, 2/4/6 - REVERE (Mantova) - Tel. 0386 46469 - Fax. 0386 846034 / 0386 847156
P.Iva 00229820204
URL: www.pretimangimi.it - Email: info@pretimangimi.it

Informazioni Privacy - Informativa Cookies