LOGIN
Welcome Guest
 
Nick:
Password:
 
Se non hai ancora un account, Registrati ora !!!

»Informativa Privacy
 Messaggi Grido
APPUNTAMENTI
Fiere, Rassegne, Convegni di settore...
mese precedente Oct 2018 mese successivo
D L M M G V S
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
Newsletter e Magazine

 QUOTIDIANI
 SERVIZI
  AGRICONSIGLI
  AGRICOLTURA BIOLOGICA
  AGRICOLTURA BIODINAMICA
  ALIMENTAZIONE E SALUTE
  AMBIENTE E TERRITORIO
  QUALITA E SICUREZZA
  RASSEGNA STAMPA
  ENERGIA E AMBIENTE
  IMMOBILIARE
 LINK UTILI
 Link Utili
 Sondaggio
Qual'è la città più bella d'Italia a Natale?
 
Firenze
Venezia
Roma
Napoli
Torino
Mantova
Bologna
Milano
Verona
Ferrara
Palermo
Bolzano
Perugia
Trento
Pisa
 

Voti sondaggio
 
Pretinews n. 7

LA NOSTRA COMMUNITY

Home

Sondaggio

Chat

Foto del Mese

Giochi

Webmail

Interviste Pazze

Intervista Doppia

Le Pagelle

Post it

Scrivi Grido

Pillole
 
  Vota Articolo Vota Articolo  elenco articoli Versione Stampabile Segnala ad un amico
 
ATTUALITA'
Federalimentare, a rischio Made in Italy

Federalimentare, a rischio Made in Italy

Il Consiglio della Federazione italiana dell'industria alimentare esprime preoccupazione per l'aumento dei prezzi delle materie prime

Il Consiglio di Federalimentare, nella seduta del 17 luglio, ha unanimanente espresso forte preoccupazione per quanto sta accadendo a monte della filiera. Lo rende noto un comunicato stampa degli industriali del settore alimentare
'È paradossale pensare che mentre da una parte la dieta mediterranea viene proposta come patrimonio mondiale dell'umanità, molti prodotti della nostra tradizione alimentare sono oggi a rischio. L'aumento del prezzo delle materie prima, ha dichiarato il Presidente di Federalimentare, Gian Domenico Auricchio, ha infatti raggiunto livelli preoccupanti mai registrati in precedenza e rischia di avere una pesante ricaduta sulle nostre tavole con aumenti significativi sugli scaffali'.

'Nel corso dell'ultimo anno le quotazioni di molti prodotti alla base delle produzioni alimentari - ma anche di alcune materie prime importanti per gli imballi (quelle a base di cellulosa) - hanno subito incrementi tali (cereali 60%, farine 50%, uova 20%, oli vegetali 30%, latte e derivati 30%, latte in polvere 100%, burro 50%, carni 20-40%) da non poter essere più assorbiti dalle ordinarie politiche commerciali del settore e purtroppo da riversare sul prezzo dei prodotti finiti. Una situazione di grave sofferenza che mette in seria difficoltà la competitività di molti comparti della nostra Industria'.

Alla base dei rincari, continua il comunicato, ci sono la diminuzione della disponibilità e l'applicazione della nuova Pac, che non permettono un approvvigionamento sufficiente, unitamente a diffusi fenomeni speculativi.

'Le aziende produttrici, prosegue Auricchio, hanno cercato, con crescenti ma ormai insostenibili difficoltà, di riassorbire i forti differenziali di costo. Esse hanno intaccato le scorte e ridotto quanto più possibile gli impatti sul prezzo finale del prodotto. E questo, benché i prezzi della materia prima incidano pesantemente sui costi di produzione, con punte che superano il 50% in comparti leader nel mondo come ad esempio quelli della pasta e dei formaggi'.

 
clicca per ingrandire
clicca per ingrandire
clicca per ingrandire
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Autore: StaffBlog  (Admin)    Data: 18-07-2007   19:04:52
 
 


dedicato ai clienti

il Guizzo

clicca per accedere al sito della Galassia di Preti Mangimi

clicca per scaricare il file in formato pdf

clicca per visitare il sito BRB Volumax

al dialèt dì Crusèra



 MISCELLANEA
  PMI NEWS
  GLOBAL WATCH
  RIVISTE SPECIALIZZATE
  LO SPECIALE
  L'OSCAR
  AGRODOLCE
  SCHEGGE IMPAZZITE
  BUSSOLA DEL GUSTO
  MARKET CAFE'
  ITALIANITA'
  DETTO & FATTO
  BACKSTAGE
  PARTERRE
  ATTUALITA'
  AGROITINERARI
  BOTTA E RISPOSTA
  CURIOSITA'
  TENDENZE
  TECH NEWS
  INTERNET NEWS
  CICLISMO
  RADIO E TV
  CINEMA
  TEATRO
  MUSICA
  LIBRI
  MOSTRE
  ANNIVERSARI
  L'ANGOLO ASTROLOGICO
 Il Meteo
 Wikipedia

Scrivi alla Redazione: info@agrifornews.it
A cura di:
PRETI MANGIMI S.r.l.
Via Smerrieri, 2/4/6 - REVERE (Mantova) - Tel. 0386 46469 - Fax. 0386 846034 / 0386 847156
P.Iva 00229820204
URL: www.pretimangimi.it - Email: info@pretimangimi.it

Informazioni Privacy - Informativa Cookies