LOGIN
Welcome Guest
 
Nick:
Password:
 
Se non hai ancora un account, Registrati ora !!!

»Informativa Privacy
 Messaggi Grido
APPUNTAMENTI
Fiere, Rassegne, Convegni di settore...
mese precedente Oct 2018 mese successivo
D L M M G V S
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
Newsletter e Magazine

 QUOTIDIANI
 SERVIZI
  AGRICONSIGLI
  AGRICOLTURA BIOLOGICA
  AGRICOLTURA BIODINAMICA
  ALIMENTAZIONE E SALUTE
  AMBIENTE E TERRITORIO
  QUALITA E SICUREZZA
  RASSEGNA STAMPA
  ENERGIA E AMBIENTE
  IMMOBILIARE
 LINK UTILI
 Link Utili
 Sondaggio
Qual'è la città più bella d'Italia a Natale?
 
Firenze
Venezia
Roma
Napoli
Torino
Mantova
Bologna
Milano
Verona
Ferrara
Palermo
Bolzano
Perugia
Trento
Pisa
 

Voti sondaggio
 
Pretinews n. 7

LA NOSTRA COMMUNITY

Home

Sondaggio

Chat

Foto del Mese

Giochi

Webmail

Interviste Pazze

Intervista Doppia

Le Pagelle

Post it

Scrivi Grido

Pillole
 
  Vota Articolo Vota Articolo  elenco articoli Versione Stampabile Segnala ad un amico
 
AGROITINERARI
In viaggio, verso la Turchia ad Istambul....per imperdibili dolci...

In viaggio, verso la Turchia ad Istambul....per imperdibili dolci...

Tatlıcı e Pastane

Le pastahane, o pastanesi, sono le pasticcerie turce dove sono venduti ogni genere di dolci. Ci sono locali tipici specializzati: il baklavaci, il muhallebici, il dondurmaci, il helvaci, ecc.

Dove si entra e, dopo un attento esame dei dolci esposti, si indicano le prelibezza che si desidera assaggiare. Anche qui tutto è esposto in bella vista, in basse teglie appena uscite dal forno. Ai tavolini sono pronte caraffe d'acqua fresca, oppure si può ordinare un bicchierino di tè alla mela piuttosto che un delizioso ayran, la bibita fatta di yogurt, acqua, un pizzico di sale e una fogliolina di menta. I dolci turchi abbondano, trasudano miele, il che li rende nutrientissimi. I grandi golosi potranno risolvere il problema del pranzo con una sosta in pasticceria.

 

Immancabili i baklava, i pasticcini di pasta sfoglia ripieni di noci, pistacchi o nocciole, cotti al forno e irrorati con un denso sciroppo di limone. Il nome 'Baklava' deriva dalla forma in cui viene tagliato. Kaymak è una crema montata e viene mangiata con la maggior parte dei dolci oppure così come è con miele. Aşure, chiamato 'Budino di Noè' è fatto con numerosi tipi di frutta secca e cereali. Buoni anche i budini, tra i quali spicca per popolarità il Güllaç con pistacchi. Tra i budini c'è ampia scelta: attenti a non confondere il Kadın Budu (coscia di donna) con il Kadın Göbeği (ombelico di donna), ma le forme antropomorfe dei due dessert aiutano a non sbagliare. Da non mancare Tavuk Göğsü (petto di pollo) un tipo di pudino preparato con il petto di pollo. Altro buon budino è il Sütlaç, fatto con latte e riso e confezionato in rotonde terrine di terracotta molto graziose. Il muhallebi (purè di riso al latte, budino di farina di riso). Kadayıf è una tipica pasta sfogliata di frumento tagliuzzata come i capelli d'angelo in sciroppo con pistacchi o nocciole. Se si riempie con del formaggio cambia il nome in Künefe. Il Kestane Şekeri sono castagne glassate; generalmente sono inscatolate o mantenute in vasi di vetro in sciroppo. Sono specialità di Bursa. Lokum (Delizie Turche) sono cubi di gelatina candita (con nocciole, pistacchio o noce) confezionate con essenze di frutta o di fiori e spolverate con lo zucchero in polvere. Pişmaniye sono tipici dolci fatti di zucchero, farina e burro che assomigliano alle fibre del lino. Tahin-Pekmez è una miscela composta da farina di sesamo e sciroppo d'uva. Helva è un dolce composto da farina di sesamo e sciroppo. Dondurma, il gelato. Kahramanmaras è la città famosa per il gelato. La particolarità è nella consistenza 'gommosa' tanto che due persone possono tirare il gelato estendendolo da un estremo all'altro come un elastico.

 

Per un buon 'salato'...

La cucina
La cucina turca è molto ricca di pietanze e si distingue per la varietà e la fantasia con le quali vengono preparati i piatti, spesso a base di ingredienti come frutta, verdura, carne e pesce, accompagnati da spezie.
I dolci sono molto originali e gustosi.
La colazione turca è particolarmente ricca, composta da: çay (tè), ekmek (pane bianco), beyaz peynir (formaggio fresco - pecorino), tereyagi (burro), zeytin (olive), simit (ciambelle salate con semi di sesamo), bal (miele), reçel (marmellate di frutta), sucuk (salsiccia), pastirma (salame piccante).
Il pranzo comincia di solito con una zuppa di verdure e legumi o con della pasta seguita da una sfiziosa e lunga serie di antipasti, tra cui il börek, una sottile sfoglia di pasta ripiena di formaggio o di carne tritata e insalata di melanzane con aglio e yogurt. Tra le pietanze tipiche della cucina turca, troviamo i dolma (foglie di vite ripiene di riso), oppure cetrioli, pomodori e peperoni ripieni, il pilav (riso condito, uva passa e pinoli), il doner kebap (carne di agnello arrostita su uno spiedo verticale), il manti (pasta ripiena di carne macinata, yogurt, aglio e peperoncino), lo sis kebap (spiedini di montone), le çig köfte (polpettine di carne cruda lavorate con grano e peperoncino), la pizza turca, sottile sfoglia di pasta ricoperta di carne d'agnello o formaggio.
Tra i dolci tipici troviamo l'asurè (una minestra piuttosto densa e dolce con frutta secca, fagioli e piselli secchi da gustare fredda), i kadayif (vermicelli di pasta con zucchero, noci, mandorle e panna montata), Il muhallebi (purè di riso al latte, budino di farina di riso), i lokum (dolci con fecola, gomma arabica e zucchero) e i più conosciuti baklava ( pasta sfoglia, miele, noci, pistacchi).
Tra le bevande più diffuse il caffè turco, il raki, una specie di acquavite e l'ayran, succo di yogurt.

 

Le ricette

 
Foto piatto tradizionale insalata turca

La ricetta tradizionale: Insalata turca
Ingredienti
170g di couscous
1 pugno di cipollotti,
1/2 cetriolo
3 pomodori maturi
60g di uvetta
2 cucchiai di prezzemolo fresco tritato
2 cucchiai di menta fresca tritata
sale e pepe macinato fresco
succo di 1 limone
1 cucchiaio d'olio
 
Preparazione
Coprite il couscous con acqua fredda e lasciatelo immerso per 30 minuti. Scolatelo utilizzando un setaccia schiacciando un po' per far fuoriuscire l'eccesso d'acqua. Versate il couscous in una ciotola.
Tagliuzzate i cipollotti e tritateli finemente. Sbucciate il cetriolo se preferite e tagliatelo a dadini. Tritate finemente i pomodori (sbucciateli e scartate i semi prima, se preferite).
Aggiungete i cipollotti, il cetriolo, i pomodori e l'uvetta al coucous con le erbe tritate e condite a piacere. Versateci sopra il succo di limone e l'olio. Miscelate il tutto leggermente, se non lo mangiate immediatamente, copritelo e mettetelo in frigorifero fino al momento di servirlo in tavola.
 
 
Pollo alla turca
Ingredienti
2kg di pollo tagliato in 12 pezzi
3 grossi pomodori sbucciati, dissemati e tritati
2 cipolle tritate finemente
2 spicchi d'aglio sminuzzati
1 cucchiaio di semi di coriandolo macinati
1/2 cucchiaino di zafferano
4 cucchiai d'olio d'oliva
1 foglia di alloro schiacciata
2 peperoncini a palloncino affettati finemente
1 tazza di olive kalamata snocciolate e affettate
2 tazze di brodo di pollo meglio se fatto in casa
2 cucchiai di uvetta bianca immerse in acqua bollente per 30 minuti
1/2 kg di riso a grano lungo, sale e pepe a piacere
salsa Tabasco a piacere
1/2 cucchaino di cumino macinato

Preparazione
Rimuovete la pelle dai pezzi di pollo. Condite il pollo con sale e pepe. Cuocete in olio. Rimuovete i pezzi non appena si arrostiscono. I pezzi di pollo dovrebbero essere a questo punto piuttosto cotti, se non lo sono abbassate il fuoco e continuate a cuocerli. Aggiungete le cipolle all'olio lasciato nella padella e cuocetele fino a che non s'ammorbidiscano. Aggiungete l'aglio, la foglia d'alloro e il coriandolo macinato. Incorporate e mescolate il riso fino a che non sia ben amalgamato con l'olio. Aggiungete i peperoncini a palloncino e cuocete per qualche minuto.
Incorporate i pomodori, il cumino e lo zafferano. Aggiungete l'uvetta. Rimettete il pollo nella padella, versate 2 tazze di brodo di pollo bollente, coprite la padella, abbassate il fuoco e lasciate sobbollire per 10 minuti.
Quindi aggiungete le olive e sobbollite per altri 10-15 minuti fino a che il riso sia pronto. Aggiungete, infine, un po' di Tabasco e servite il piatto caldo.

 

 
clicca per ingrandire
clicca per ingrandire
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Autore: StaffBlog  (Admin)    Data: 15-07-2007   20:02:00
 
 


dedicato ai clienti

il Guizzo

clicca per accedere al sito della Galassia di Preti Mangimi

clicca per scaricare il file in formato pdf

clicca per visitare il sito BRB Volumax

al dialèt dì Crusèra



 MISCELLANEA
  PMI NEWS
  GLOBAL WATCH
  RIVISTE SPECIALIZZATE
  LO SPECIALE
  L'OSCAR
  AGRODOLCE
  SCHEGGE IMPAZZITE
  BUSSOLA DEL GUSTO
  MARKET CAFE'
  ITALIANITA'
  DETTO & FATTO
  BACKSTAGE
  PARTERRE
  ATTUALITA'
  AGROITINERARI
  BOTTA E RISPOSTA
  CURIOSITA'
  TENDENZE
  TECH NEWS
  INTERNET NEWS
  CICLISMO
  RADIO E TV
  CINEMA
  TEATRO
  MUSICA
  LIBRI
  MOSTRE
  ANNIVERSARI
  L'ANGOLO ASTROLOGICO
 Il Meteo
 Wikipedia

Scrivi alla Redazione: info@agrifornews.it
A cura di:
PRETI MANGIMI S.r.l.
Via Smerrieri, 2/4/6 - REVERE (Mantova) - Tel. 0386 46469 - Fax. 0386 846034 / 0386 847156
P.Iva 00229820204
URL: www.pretimangimi.it - Email: info@pretimangimi.it

Informazioni Privacy - Informativa Cookies